Le più belle Borse Louis Vuitton di sempre

Scritto da: -

Le borse Vuitton più belle di sempre

Siamo nel lontano 1896 quando Georges Vuitton in un impulso di genio, da vita alla famosa tela monogram, con incise le iniziali Louis Vuitton, un piccolo fiore e un quadrifoglio, all’inizio per proteggere il marchio dalla contraffazione, ma è così per caso che nascono le leggende. Di certo non sapeva che il logo sarebbe diventato uno dei più adorati e desiderati al mondo ma purtroppo, ironia della sorte, anche il più copiato e replicato in tutti gli angoli del globo. La ragione la troviamo anche nei prezzi delle iconiche borse di Louis Vuitton, non proprio per tutte, anzi vengono considerate dalle donne quasi alla stregua di un gioiello.

Tra le più belle borse Louis Vuitton di sempre ce ne sono alcune che hanno segnato un’era, passate da madre a figlia, sì perchè diciamolo se la borsa è vintage, è ancor più affascinante. Quali sono? La prima che mi viene in mente non può essere che la Neverfull, “mai piena” è il nome perfetto per lei, dall’aspetto retro è una capiente compagna di viaggio, di shopping, di lavoro, perfetta per la città. I dettagli sono ammirevoli, come le cinghiette per cambiare forma, o il tessuto interno a righe che ricorda i mitici bauletti degli inizi della maison Vuitton. La Neverfull, in tutte le sue varianti (Neverfull PM la piccola, e la più grande GM), è senza dubbio una delle borse più amate di sempre.

Passiamo ad un’altra diva di casa Vuitton, è un’altra classica, sto parlando della Speedy (in tutte le sue edizioni), il bauletto che vero o falso che sia, incontriamo appena uscite dal portone di casa, questa borsa infatti è letteralmente diventata una mass icon (la versione Damier è più rara), ma se portata con il giusto stile e la perfetta leggiadria è decisamente ancora in. La Speedy nasce nei leggendari anni trenta, quando la moda non era ancora così democratica come adesso, pensata per donne della haute classe, è gemella in versione compatta della Keepal, ed è stata creata per accogliere l’essenziale della city life, ma prende davvero vita quando Audrey per la prima volta la sfoggia con quel savoir faire innato che conosciamo tutte. Adesso la borsa a mano Speedy è molto famosa, la potete incontrare da Tokyo a New York, è un must have dall’eleganza globale. (Continua dopo il salto con le foto)

Le borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempre

E poi c’è la Keepal. Questo nome evoca subito il viaggio per antonomasia, voyage très chic chiaro, nel tenerla in mano ci immaginiamo già il mitico Orient Express e sapori di altri tempi. Linea timeless appunto, per la borsa più diffusa tra i viaggiatori del mondo, maschi e femmine, dallo stile chic ever green. Un’altra it bag ma decisamente più recente è infine la Alma, nelle sue infinite riedizioni, la celebre borsa a mano in pelle Monogram Vernis.

Le borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempre

Le borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempreLe borse Vuitton più belle di sempre

Foto| Louis Vuitton Facebook , Tumbrl

Vota l'articolo:
3.54 su 5.00 basato su 13 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Fashionblog.it fa parte del Canale Blogo Donna ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.