Pitti Uomo Firenze Gennaio 2017: la natura grafica di Furla

Furla presenta a Pitti Uomo 91 una storia raccontata per immagini, un album immaginifico che mostra la nuova collezione maschile autunno inverno 2017 2018. Scoprila su Fashionblog

furla-giove-fw17.jpg

Furla presenta a Pitti Uomo 91 una storia raccontata per immagini, uno sketchbook, un album immaginifico che parla agli altri di noi. Personale, dinamico, colorato ed energico, l’album rispecchia appieno il carattere dell’Uomo Furla. Un uomo calato nel contemporaneo, incline alla fantasia, che non teme di esprimere con ironia e leggerezza. Nella collezione autunno inverno 2017 2018 il racconto prende forma. L’album si popola di lavorazioni, charm figurati e animali fantastici.

"Animali che ci assomigliano, e nei quali ci identifichiamo. Attraverso i quali descriviamo un tratto del nostro carattere. Sono creature mitiche cariche di suggestioni poetiche. Che parlano di noi, diventano il nostro simbolo interiore. Sono in grado di farci emozionare e di incantare anche le persone che ci circondano" spiega Fabio Fusi, direttore creativo di Furla.


Ogni animale è un carattere e una personalità, che prende vita attraverso la stampa digitale su pelle. Così la cultura estetica della grafica computerizzata reinterpreta la natura in chiave tecnologica. Una borsa in particolare è simbolo del racconto della collezione: la Furla Marte Briefcase. Cartella da lavoro per eccellenza, solida ed essenziale nelle linee: un rettangolo dai bordi stondati, i manici compatti. È la rappresentazione dell’affidabilità e della funzionalità. Questa stagione rivela la sua anima modulabile e creativa: ogni Furla Marte ha il suo porta tablet estraibile, stampato con gli animali o nei colori tinta unita di collezione, ma ognuna può anche essere acquistata singolarmente, e quindi scambiata.

Tutte le borse della prossima stagione fredda prendono parte al grande racconto. All’album fantastico dove collezionare le pagine dei libri preferiti, le immagini, i disegni che tracciano i contorni del mondo che sogniamo. Accumulando stili, epoche, citazioni. Per ritrovare se stessi, o per partire guidati dall’immaginazione.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO