Gucci Ginza: la riapertura del flagship store, i nuovi codici stilistici

Gucci annuncia la riapertura del suo flagship store a Ginza, completamente rinnovato secondo la nuova estetica del Direttore Creativo Alessandro Michele. Scopri tutto su Fashionblog

Gucci annuncia la riapertura del suo flagship store a Ginza, completamente rinnovato secondo la nuova estetica del Direttore Creativo Alessandro Michele. Il negozio occupa più di 800 metri quadrati su cinque piani e ospita i reparti uomo, donna, calzature, borse, piccola pelletteria, valigie e borse da viaggio, articoli in seta, gioielli e orologi, e occhiali. In esclusiva per il negozio di Ginza è stata realizzata una linea di borse Sylvie e di pezzi di piccola pelletteria con ricami floreali, oltre a degli speciali articoli Courrier che sfoggiano un patch esclusivo con l’indirizzo del negozio. Per la prima volta è offerto il servizio DIY, un progetto a cui il Direttore Creativo tiene particolarmente, e che permette ai clienti della Maison di esprimere la loro individualità attraverso la personalizzazione di una selezione di articoli. Dalla passione di Alessandro Michele per la sottocultura punk britannica, nasce la sua filosofia, secondo la quale il modo di vestirsi è un’espressione della propria personalità: uomini e donne devono sentirsi assolutamente liberi di esprimersi attraverso il loro abbigliamento.

In un’atmosfera che mette i clienti a loro agio e li invita al relax, il design del negozio è all’insegna del calore e dei contrasti. Elementi morbidi, come le poltrone in velluto, sono contrapposti a superfici più rigide ed elementi più industriali, quali i rivetti. Lusso e contemporaneità vengono suggeriti non solo dall’utilizzo di materiali belli e idiosincratici, ma anche attraverso un uso decisamente sobrio dello spazio. In linea con l’eclettismo elegante e contemporaneo che caratterizza le collezioni Gucci, la tradizione e il moderno, l’industriale e il romantico si coniugano nel nuovo store.

Articoli contrastanti che rappresentano codici stilistici diversi sono combinati per stimolare la curiosità, dando ai clienti la sensazione di scoprire sempre nuovi aspetti del negozio. Questo percorso di scoperta è rispecchiato nel tema centrale del nuovo design: il viaggio, con riferimenti alla storia della Maison, in particolare attraverso l’utilizzo dei codici estetici degli articoli da viaggio, primo fra tutti il baule, per creare elementi decorativi.

In un’atmosfera intenzionalmente sorprendente e gioiosa, l’effetto scenografico è prodotto dall’inaspettato affiancamento dei materiali. Intarsi di marmo policromi danno vita ad effetti tridimensionali decorativi sui pavimenti, armoniosamente integrati con il cemento. Giustapposizioni di questo tipo, in cui gli opposti danno vita a nuove unioni, sono ripetute ovunque: unità video meccaniche contrastano con la morbidezza dei tessuti sontuosi che rivestono gli ambienti; piastre metalliche brunite a motivi geometrici si trovano accanto a tappeti rosso ciliegia e blu pavone; tavoli rotondi contrapposti a tavoli rettangolari; finiture in ferro laccato alle pareti fanno da contrappunto alle scale di marmo e ai tessuti trapuntati grigio scuro e ai velluti rosa pallido utilizzati per rivestimenti, tappezzerie e camerini di prova. In tutto il negozio sedili sontuosi sono a disposizione dei clienti, e tappeti orientali vintage, sovrapposti l’uno all’altro, producono un effetto testurizzato. Il risultato è uno spazio che seduce, coinvolge e comunica la personalità di Gucci.

  • shares
  • Mail