La rubrica dei fashionblogs: Trend & The City



Cari lettori, inauguriamo proprio oggi, all'alba della Vogue Fashion Night Out, questa nuova rubrica settimanale dedicata ai blog italiani specializzati in moda, style e tendenze con il sito di Trend & The City. Aperto da Sonia nel 2007, il blog è un riferimento doc per le fashion-victims italiane e per tutti quelli che amano essere aggiornati sugli sviluppi della moda internazionale. Noi di Fashionblog abbiamo chiesto all'autrice il perchè e il percome di tanta passione e dedizione verso un mondo non facile come quello della moda; gli imperativi su cosa mettersi e quando, si avvicendano frenetici stagione dopo stagione. Gli stilisti si confondono con le celebrities, madames blasonate e attrici insospettabili, diventano improvvisamente icone di stile; difficile restare al passo, ci vuole il fisico! Vediamo quali sono gli in & out dell'autrice, le collezioni must e qualche consiglio per chi si vuole avvicinare al mitico carrozzone della moda. Fashionistas, buona lettura!

1) In quale misura la moda influenza realmente il vestire delle persone normali?
Di rado, ormai, trovo un reale riscontro fra la moda proposta sulle passerelle e quella della gente "qualsiasi". E' più facile che le persone s'influenzino a vicenda, sperimentando una moda tutta loro, e non che una tendenza delle passerella si diffonda per le strade.

2) Secondo te The Sartorialist ha cambiato il modo di guardare le altre persone per strada?
Senza dubbio. Mi ricordo quando qualche anno fa era impensabile fermare qualcuno per strada e chiedergli "posso scattarti una foto?", oggi tutti possono concedersi il lusso di rubare uno scatto ad un passante e di pubblicarlo on-line. Passeggiando per strada mi capita di notare qualcuno che sarebbe perfetto per l'obiettivo di Scott Schuman, e altrettanto spesso di chiedermi dove siano tutti quei cool hunter che The Sartorialist avvista con facilità.

3) Qual è la sfilata più bella che hai visto alle ultime collezioni?
Mi ha colpita la collezione Resprt 2011 di Stella McCartney, l'utilizzo delle stampe e dei colori e i dettagli floreali ricavati dal pizzo. Comprerei tutto.

4) Che cosa ci vuole per fare un buon blog di moda?
Idee nuove, grafica accattivante, frequente aggiornamento, notizie interessanti e quel quid in più per distinguersi e per motivare l'esistenza di un blog (l'ennesimo) di moda sul web, che ormai pare essere saturo. Non chiedetemi se il mio Blog risponde a questi requisiti però, me lo chiedo persino io.

5) Dai un consiglio a chi sogna di diventare stilista.
Scrivo di moda, non la "faccio" quindi il mio parere non si basa su conoscenze concrete del mestiere, quanto sull' incontro di stilisti emergenti che mi hanno fatto capire che la dote fondamentale, che spesso manca, è l'amore per la sartoria, quella dimenticata e accantonata nell'era delle t-shirt stampate.

6) Quando un uomo è elegante, quando lo è una donna?
Non vi propinerò la risposta del little black dress per la donna e della cravatta per l'uomo, piuttosto mi affiderò al mio gusto personale: trovo che l'eleganza e il fascino che una camicia bianca dona ad un uomo siano innegabili e che una donna con un trucco nude ed un abito dalle linee semplici possa uscire di casa senza nemmeno guardarsi allo specchio.

7) Quali sono i tre Fashionblog migliori in Italia e perchè?
Se penso ad una comunicazione immediata e frequente nel panorama web italiano penso a Fashionblog, non è piaggeria ma un dato di fatto, il requisito fondamentale di un buon blog di moda d'altro canto è la ricchezza di contenuti.

8) Il tuo vestito preferito?
Nel mio guardaroba è un completo di Valentino, lo adoro e ogni tanto apro l'anta dell'armadio in cui è riposto solo per ammirarlo, soprattutto mi piace osservare la perfezione delle cuciture, delle ruches color tortora finemente arricciate.

9) Cosa non indosseresti mai?
Stivali texani bianchi, ma mai dire mai, in fondo a carnevale potrebbe capitare.

10) Un ricordo di guardaroba dalla tua infanzia
Una gonna/coulotte che mia madre mi comprò all'età di 3 anni, davanti era una gonna, blu a righe e dietro una coulotte a pois leggermente arricciata. Ho sempre amato i capi particolari, che stupiscono.

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: