La Jennifer bag di Tom Ford è la borsa della discordia di Oprah Winfrey

L’episodio di razzismo riportato da Oprah Winfrey è stato uno degli aneddoti più imbarazzanti dell’estate 2013, nonostante la famigerata commessa sostenga di non aver mai voluto offendere la signora. Al centro della polemica, c’è una borsa. Ma quale borsa?




Vi siete chiesti quale sia la borsa che ha acceso il caso Oprah Winfrey? Ricordiamo a tutti che la celebre conduttrice americana poco tempo fa è recata in un negozio di Zurigo per avere informazioni su una borsa. Si trovava in Svizzera per il matrimonio dell'amica Tina Turner e aveva deciso di fare un po’ shopping.

La commessa italiana, secondo la signora Winfrey, non solo non l’ha riconosciuta e ha sfoggiato un inglese poco fluente, ma le ha detto che l’accessorio era troppo caro per lei. Il costo? 35 mila franchi. Una cifra davvero enorme, che può essere un problema per tutti, tranne che per la conduttrice, che ha un patrimonio da 77 milioni di dollari circa ed è una delle donne più pagate al mondo. La meraviglia del fashion in questione è Jennifer Bag firmata Tom Ford e dedicata all’attrice Jennifer Aniston.

Le ho mostrato una delle Jennifer, che sono molto popolari adesso. Le ho spiegato che ce ne sono di varie dimensioni e materiali, come faccio sempre. Lei ha guardato gli scaffali dietro di me, in alto, e ha chiesto di vedere quella in coccodrillo, da 35 mila franchi. Le ho detto che era la stessa borsa che teneva in mano, solo che molto più costosa. E che potevo mostrarle altre borse. Le ho chiesto anche se volesse guardarla meglio, lei si è guardata intorno nel negozio e se ne è andata.

Ha raccontato la commessa smentendo la versione di Oprah, come riporta il nostro sito Gossipblog. La Winfrey a sua volta ha dichiarato:

L'idea ha attraversato la mia testa che dovrei chiamare Jennifer o Tom - Li conosco entrambi molto bene. Invece ho detto alla commessa: Okay, capisco. La borsa è solo per Jennifer e solo a lei è permesso di comprarla... giusto?

Via | Entertainmentwise

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail