Mila Schön porta gli anni Settanta a Milano per la primavera estate 2014

Se gli anni Settanta dovessero bussare alla nostra porta, probabilmente avrebbero l’aspetto rappresentato da Mila Schön ieri, che ha chiuso le sfilate della Milano Moda Donna con la sua collezione primavera estate 2014.


Mila Schon primavera estate 2014

Mila Schön ha sfilato per ultima ieri alla Milano Moda Donna, portando in passerella una collezione primavera estate 2014 stile anni Settanta. È stata una presentazione davvero particolare e la linea, nonostante non brilli per creatività, è piacevole e di sicuro successo. Abiti leggeri, fantasie romantiche e colorate (bellissimo l’uso degli aracioni e del corallo), silhouette sottili, maxi bottini, abiti dalla forma a trapezio o ad A.

La casa di moda ha 50 anni e alla guida non c’è più la mitica Bianca Gervasio, ma un gruppo di giovani creativi di evidente talento. Ecco, se vogliamo fare un appunto, il fatto che il nuovo gruppo di lavoro (di cui non si sa praticamente nulla) sia giovane aumenta le aspettative e scegliere un taglio come quello presentato ieri un pochino delude, perché decisamente troppo classico e troppo studiato per fare incassi in boutique. Le passerelle servono a sperimentare, a osare, a lasciarsi andare un pochino e questo brand ha bisogno di qualcosa di più.

Mila Schön vince però per l’uso dei colori, per i tessuti eleganti e perché sa dosare il concetto di classe: non esagera mai, non è mai sopra le righe. Il suo modello di donna è ovviamente borghese, impegnata e alla ricerca di agi nell’agio.

Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014
Mila Schon primavera estate 2014

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail