Milano Moda Donna inverno 2011/12 Live: N°21


Per chi di voi non lo sapesse, N°21 è la linea disegnata dallo stilista partenopeo Alessandro Dell'Acqua; della mia prima giornata di sfilate, questa, assieme a quella di Alberta Ferretti, era una di quelle che mi incuriosivano di più, per due motivi principalmente: sono una grande fan di Dell'Acqua e non ero mai stata ad una sua sfilata.

Sfila in Triennale la collezione Autunno/Inverno di Alessandro Dell'Acqua, in una venue decisamente piccola rispetto al numero di persone presenti all'evento; sì, perchè quando si parla di Alessandro Dell'Acqua si parla di evento, non di una semplice sfilata. In consolle in veste di music designer Marcelo Burlon, noto agli addetti del settore per le sue poliedriche abilità. Devo dire la verità, della collezione non vedo moltissimo (c'è davvero moltissima gente, e il rispetto dei posti è rigoroso, sia per chi è seduto sia per chi sta in piedi), ma quel poco che riesco a vedere mi dà il senso della collezione.

Dell'Acqua ha raggiunto un suo codice stilistico che conferma ancora una volta con questa collezione, dove il rigore maschile e il tocco femminile di pizzi e piume si fondono in un'unica anima. Una tendenza, un filone estetico che sembra andare controcorrente rispetto a quello che in generale si è visto nel corso di questa prima giornata di moda milanese (colori, colori, colori, silhouette di sapore Anni Settanta). Anche per Dell'Acqua il daywear torna ad avere il senso dell'abito da giorno: ecco allora abiti in maglia melange, completi puliti composti da gonna e pull melange, pantaloni aderenti e con l'orlo alto, camicie che combinato la lana di sapore maschile alle maniche in chiffon color pesca a contrasto. Per la sera gli abiti si costruiscono attorno al pizzo chantilly color giallo pallido, pesca, avorio e rosa acceso. Si muove in una linea di confine, ma vira più verso la sera il pull di pelliccia color pesca, così come il maglione di piume di marabù greige. Deliziose le scarpe a punta, con tacco medio (dobbiamo cominciare ad abituarci al tacco nè alto nè basso) e punta a contrasto color rosa shocking. Una collezione che sa coniugare perfettamente quell'attitude easy e la sofisticata creatività del Maestro, e che, credo, troverà nel mercato, grazie alla sua portabilità, il giusto riconoscimento. Un plauso a Dell'Acqua, dunque.

Piccolo aneddoto: oggi ho incontrato Mariella Milani, la giornalista del TG2 che sicuramente tutti conoscete e che cura i servizi e speciali di moda e costume alla Rai: ha detto che anche lei aprirà un suo blog. Scherzava? Non scherzava? Io tengo d'occhio la Rete...


N°21


  • shares
  • Mail