Via del Senato, la stessa location della sfilata di Alberta Ferretti (d’altra parte i marchi appartengono allo stesso gruppo), sale in passerella la donna Moschino per il prossimo autunno/inverno 2011. E già dall’invito Moschino non viene meno alla sua natura, ironica e creativa: un libretto di quelli che, sfogliati velocemente, grazie ai loro disegni danno vita ad un cartone animato. Comincia con un po’ di ritardo la sfilata, come ormai nella tradizione delle sfilate, ma mai quanto quella di Prada di ieri sera (un’ora di ritardo!). Ad ogni modo, subito, dal primo look, esce Moschino.

Il Moschino che conosciamo, ironico, divertente, femminile e riconoscibile. Una donna che indossa il cappello di un’uniforme, che indossa abiti dorati (tantissimo oro su tutte le passerelle), che ha degli headpieces che sono una sagoma (non ci ricordano gli headpieces di Anna Dello Russo? Che Rossella Jardini si sia ispirata a lei?), che indossa il tubino nero con quel twist che si riconosce subito, che non sta mai senza i suoi iconici orecchini a cerchio. Rosa pallido, bianco, blu, rosso, nero, oro: i colori del “codice Moschino”.

A completare il tutto altri simboli della Maison: i fiocchi, la rosa al collo, le catene al collo, gli orecchini, le ruches e le balze. Deliziosi i tailleur con i profili a contrasto, gli abiti da scartare come cioccolatini, lo smoking da donna con la fascia a contrasto fuxia, il completo rosa shocking così come quello con revers fiorati, gli abiti in lamè e in seta. Ma più delle parole parlano le immagini, che questa volta sono riuscita a portare a casa. Godetevi la gallery!

Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino

Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino
Moschino

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Eventi Leggi tutto