Stilisti emergenti: Michele Chiocciolini e le sue nuove architetture per uomo e donna

Dagli studi di architettura alla moda, un talento emergente che continua a stupirmi ad ogni collezione.



C’è una macro categoria nel mondo della moda che si chiama “ricerca”, si tratta di scoprire stilisti emergenti o particolari, trovare chi fa una moda alternativa, diversa da quella che si vede nelle passerelle o nelle grandi boutique. Piccoli ma importanti, per le loro idee o le loro intuizioni o meglio ancora per la loro storia. Michele Chiocciolini, fa parte di quegli stilisti emergenti che mi affascinano per la loro passione ed il loro design. Semplice e lineare, come una costruzione. Un costrutto architettonico che riesce a fondere stampe dal sapore naif a geometrie ricercate, per un risultato che appare semplice ma ricco di dettagli. Giunto alla sua quarta collezione, il suo disegnare è decisamente inconfondibile. Il tratto secco e lineare riesce a diventare facilmente morbido ed avvolgente sui capi delle collezioni moda uomo e donna mentre nel settore accessori (vi do un assaggio delle sue borse) riesce a mantenere un giocoso rigore dato anche dagli abbinamenti in contrasto di colori primari con fluo e pastello. Vi avevo già fatto notare un suo lavoro e da quel dì ad oggi, sono arrivate le nuove proposte che non vedo l’ora di poter toccare dal vivo.

C’è anche da dire che uno degli aspetti più coinvolgenti della moda firmata da Michele Chiocciolini è dato anche dal contesto e dalla persona, mi spiego meglio: quando si parla di moda, a mio modesto parere, in realtà si viaggia sul filo sottilissimo sito tra quest’ultima e l’arte. Una linea che riesce ad essere tanto sottile o tanto grossa a seconda di colui che la osserva e la vive. Potremmo anche dire che moda ed arte sono nucleo di uno stesso atomo su cui gravitano gli elettroni dell’esistere, del vivere come arte e moda insegnano. Come tale è per questa ragione che sovente non si bada “all’elettrone” ma si osserva un atomo “moda” senza coglierne le sue interiorità. Chiocciolini vive immerso in questo atomo, facendo gravitare all’interno del suo creare, non solo le sue idee ma anche il suo viverle.

Diventa quindi un’ esperienza sensoriale visitare il suo showroom, che pare esser più un museo che non un ambiente di mero lavoro. Ogni oggetto al suo interno non solo è parte di un arredamento tra il vintage, l’antiquariato ed il modernariato ma è frutto di un percorso di vita ricco di storia e ricordi di viaggi lontani, che rivivono nella magica Firenze dentro a mura di passati vissuti, in via Fico 3r. Arte e Moda, non sono parti scollegate del lavoro di un creativo, diventano fonte di ispirazione per chi, come Michele Chiocciolini, compone il suo essere interamente di questo sinolo.

  • shares
  • Mail