Manichini diversamente abili in vetrina per una campagna a sostegno dei disabili

Nelle vetrine dei negozi di Zurigo, in Svizzera, sono comparsi dei manichini che vogliono sensibilizzare l'opinione pubblica su un tema molto delicato: ecco i manichini diversamente abili, perché in fondo cosa vuol dire perfezione?

In una società che ci invita a rincorrere e ricercare a tutti i costi la perfezione, chi è che stabilisce cosa è perfetto e cosa no? Se lo sono chiesti i promotori di questa bellissima campagna che ci arriva da Zurigo, ideata dall'associazione Pro Infirmis, che da anni si occupa di sostenere e aiutare i disabili. La campagna "Chi è perfetto" ha già scosso le coscienze del web, tanto che su Youtube il video caricato dall'associazione può già contare 800mila visualizzazioni, destinate a crescere man mano che il video virale si diffonde.

Il video ci presenta la realizzazione di manichini diversamente abili: proprio loro che dalle vetrine ammiccano verso i possibili clienti mostrandoci un modello di perfezione che dovremmo tutti cercare di emulare, almeno secondo quanto richiesto dalla società, diventano il simbolo di una campagna volta a promuovere un mondo diverso, un mondo nuovo, un mondo nel quale le persone con disabilità vengono accettate e non emarginate. I manichini sono stati modellati per assomigliare alle persone che lottano ogni giorno contro malattie come la scoliosi o l'osteogenesi o che vivono ogni giorno senza un arto che è stato loro asportato o senza il quale sono nate.

Alcuni negozi di Zurigo hanno poi esposto questi bellissimi manichini insieme ai classici manichini considerati sinonimo di perfezione, con la scritta provocatorio "Perché, chi è perfetto? Avvicinati...". E in fondo il messaggio è proprio questo: in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità è bene ricordare che la perfezione non esiste, che siamo tutte persone speciali. E dovremmo ricordarlo sempre.

  • shares
  • Mail