VFNO 2011 - Reportage da Milano: il quadrilatero.

VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento

Milano, 8 settembre 2011: benvenuti al terzo appuntamento con VFNO. Anche quest'anno Fashionblog era presente, ovviamente (con tanto di piastrina commemorativa by Subdued, vedi foto sopra) per portare qualche cartolina virtuale a quei pochi che non c'erano. Perchè la tradizione si perpetua comme d'habitude, e quasi non si camminava; o meglio, all'inizio sì. Verso le 7.30pm si riusciva ancora ad avanzare per le vie del centro, magari confondendosi tra il pueblo della moda e quelli che semplicemente se ne tornavano a casa peraltro un po' infastiditi, dopo la giornata in ufficio.

Una serata di caldo torrido e umidità appalla, come la musica del resto, che pompava di brutto dalle casse esposte all'ingresso di quasi tutti i negozi; e deejays, deejays come se piovesse. Tatuati, mascherati, ingobbiti sui piatti e certo, un po' in imbarazzo perchè immancabilmente esposti in vetrina; ma com'è come non è, una cosa è certa. Dove c'è musica arriva la folla. Evviva! Davvero, come la gioia portata dalla banda di supergiovani che suonavano trombe e sax di fronte ad Alcott, che ha suscitato insperati sorrisi tra i milanesi e grandi applausi; inutile dire che nel frattempo i bancomat chiedevano pietà, mentre vagonate di gente entusiasta risaliva le scale dei metrò di San Babila e Duomo. Ressa un po' ovunque, e tanta voglia di stare insieme evidentemente; supercoda per entrare al nuovissimo Coin Excelsior, decorato di mille led colorati e situato proprio in mezzo allo "struscio" di Vittorio Emanuele.

Montenapoleone invece era totalmente impraticabile, un magma omogeneo di patiti del logo, avanzava compatto; forse seguivano una musica fatata, forse erano attirati dai vari cocktails e dalle street performance, come per dirne una, i modelli in déshabillé (e ciabatte) di La Perla. Mentre nelle boutique di lusso, Bottega Veneta, Prada, Louis Vuitton e compagnia bella, era tutto un tintinnare di calici e sottofondo di voci pacatissime. Ma fermi tutti, shopping o meno, this is democratic fashion: mai visto tante categorie diverse di persone coabitare così serenamente. Dalle fanciulle bene della borghesia alle bad girls di downtown, dalle signore un po' agèe ma ancora belle e pimpanti, alle crew di giovani eleganti o casual/sportivi ma comunque vitaminizzati: all together now. Sì, ma dove? Erano tutti in fila da McDonalds.

VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento
VFNO 2011 Milano le foto dell\'evento

  • shares
  • Mail