Stilisti emergenti: Fob e la frontiera dell’orologeria

Nel mio recentissimo viaggio a Parigi, l’incontro con un nuovissimo marchio di orologi ha scandito il tempo di un pomeriggio au Arts e Metiers.


Fob-Paris
Nel cuore della Parigi di Arts et Metiers, quartiere meraviglioso della città dei Lumi, ho avuto il piacere di incontrare e chiaccherare con Sari, giovane socio della nuovissima Fob orologi. Nasce da tre ragazzi che scoprono l’esigenza di voler rispolverare la cultura dell’orologio da taschino. Vogliono disperatamente ritrovare, in questo oggetto normalmente legato a grandi marchi di classicissima fattura, uno spirito contemporaneo, giovane ed accattivante. Creano un design lineare dal sapore tanto minimal quanto dark, attivano il loro ingegno per trasformarlo in un icona del gusto dandy, senza rinunciare all’esigenza di un esistere metropolitano. Contaminano tutte le sfere del gusto cercando di trarre ispirazione dalle caratteristiche che iconicamente definiscono i vari stili, fanno sposare quindi colori e forme dell’Art Deco con dettagli ed accessori dall’animo rock, cover metalliche o in pellami pregiati (ovviamente intercambiabili), catene che si lasciano indossare al collo o che diventano eleganti elementi da taschino fino a declinarsi in strutture uniche ed impreziosite da collaborazioni artistiche che lasciano spazio alla grande creatività contemporanea. In soli sei mesi di attività commerciale già presenti in oltre 20 paesi, venduti in luoghi di culto, come le centre Pompidou a Parigi.
"Nell’incessante scorrere del tempo, passa l’esistere e con esso conviviamo nell’espressione dello stesso, scoprendo che guardarlo passare può esser un momento di sollievo."

  • shares
  • Mail