Jimmy Choo: l'addio di Tamara Mellon

tamara mellon

Qualche giorno fa è arrivata la notizia ufficiale dell'addio di Tamara Mellon al marchio Jimmy Choo. Co-fondatrice del brand, stilista, ex direttrice di Vogue UK, imprenditrice e mamma, ha deciso di vendere la sua quota, abbandonando l'impero da lei creato. Difficile scelta, quella di Tamara. Ma se pensiamo che il suo gioiello arriva a valere quasi 600 milioni, forse il suo rammarico non è poi così struggente. Fondata nel 1996, la maison ha preso quota proprio grazie alla lungimiranza e alla determinazione di Tamara, che all'epoca credette in questo sconosciuto stilista di scarpe malesiano, famoso solo per essere uno dei preferiti della principessa Diana.

Nel 2011 la Mellon riesce a farsi cedere il 50% delle quote di Jimmy Choo, che diventa nel giro di qualche anno il brand di scarpe più amato dalle celebreties e più ambito sui red carpet, insieme a Louboutin. Che fine ha fatto lo stilista, che dà peraltro il nome al marchio? È tornato alle origini e ora si limita a mantenere un giro d'affari senza grosse pretese. Del resto, non è difficile pensare che la pressione e lo stress per rimanere a capo di un colosso del genere siano estenuanti. Tant'è, la Tamara ha resistito finché ha potuto e il suo lavoro, soprattutto perché è donna, vale l'apertura di più di 100 boutique Jimmy Choo nel mondo e un gruzzoletto niente male. Si dice che ora voglia dedicarsi al lavoro di mamma e investire in un altro progetto fashion innovativo. Si dice.

Tamara Mellon
Tamara Mellon
Tamara Mellon
Tamara Mellon
Tamara Mellon

  • shares
  • Mail