Lanvin, il catalogo della collezione uomo autunno inverno 2014 2015, stratificazioni che seducono

L'uomo Lanvin disegnato da Lucas Ossendrijver, direttore creativo del menswear della Maison dal 2006, ed interpretato dal modello britannico Alexandre Faye, ha uno spirito mosso, a tratti nostalgico, ma saldamente ancorato alla realtà di oggi. Eccovi ora video e catalogo della collezione uomo per l'autunno inverno 2014 2015.

L' uomo firmato Lanvin per l' autunno inverno 2014 2015

L' uomo firmato Lanvin per l' autunno inverno 2014 2015
L' uomo firmato Lanvin per l' autunno inverno 2014 2015
L' uomo firmato Lanvin per l' autunno inverno 2014 2015
L' uomo firmato Lanvin per l' autunno inverno 2014 2015
L' uomo firmato Lanvin per l' autunno inverno 2014 2015
L' uomo firmato Lanvin per l' autunno inverno 2014 2015
L' uomo firmato Lanvin per l' autunno inverno 2014 2015
L' uomo firmato Lanvin per l' autunno inverno 2014 2015

In copertina suadente e sofisticato, ruffiano ed elegante il viola incontra e sposa senza ripensamenti il blu. Un abile gioco cromatico in cui Lanvin ed il suo direttore creativo Lucas Ossendrijver sembrano eccellere. Seguono infatti altri accostamenti che fanno del ton sur ton un cavallo vincente di tutta la collezione per l'autunno inverno 2014 2015. Il blu qui sfuma, schiarisce, muta tonalità, creando di volta in volta una serie di affascinanti stratificazioni, di sovrapposizioni di gusto dichiaratamente casual che subito inchiodano e lusingano lo sguardo.

Cappotti, pullover e camicie compongono e scompongono così con morbida nonchalance quasi tutta la silhouette dell'uomo Lanvin che questa volta si identifica totalmente nel volto pallido ed assorto dell'inglese Alexandre Faye. Una silhouette (fotografata da Julia Hetta) che tuttavia armonizza linee diverse, abbinando con un squisito senso delle proporzioni pantaloni mossi e fluidi a giacche dal taglio asciutto, twin set dalla fantasia vistosamente rigata a calzoni con pinches che ritornano con ostinazione in più “insiemi”.

Non mancano neanche tocchi vistosamente vintage come il grande, esagerato quadrettato o rock come la fantasia marezzata bianca e nera che ci ricorda a dire il vero più uno zebrato. Apprezzate dall' onnivoro Lucas Ossendrijver anche le linee arrotondate e le rievocazioni anni '80 e '90 che spesso e volentieri fanno capolino nella collezione. Un line-up che si apre gradualmente a ventaglio o, se preferite un'altra similitudine, come un prezioso gioco di scatole cinesi che a poco a poco si aprono rivelando all'occhio dell'osservatore sempre nuove suggestioni ed inaspettate influenze.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail