Milano Moda Uomo Winter 2012: conclusioni


Nei quattro giorni dedicati alle sfilate maschili per l'autunno inverno 2012/13 se ne sono viste di tutti i colori, ma la tendenza che spicca su tutte è la trasversalità dei capi. Nell'era dell'incertezza e del "vorrei ma non posso", ecco che i vestiti diventano interscambiabili, e evolvono in simbolo dell'adattabilità.

Non è poi così banale che la moda, per quanto lussuosa e apparentemente accessibile a pochi, sia lo specchio dei tempi; ed è anche là, sulle passerelle, che si respira lo spirito del momento che stiamo vivendo.

Quindi, messi da parte per un attimo i discorsi sulle tendenze delle silhouettes e dei colori, sulle proporzioni e l'attitude da sfoggiare, è evidente che lui e lei sempre più spesso giocano a rimescolare il guardaroba. Divertissement o esigenza? Potremmo avere una risposta leggendo anche gli articoli su Milano Moda Uomo Winter 2012 di Blogosfere:

  • Milano Moda Uomo: gli studenti universitari di Dsquared², le foto e il video della sfilata

  • Milano Moda Uomo: l'uomo ribelle di Diesel Black Gold, l'intervista a Renzo Rosso, foto e video

  • Milano Moda Uomo: la perfezione dello sportivo di Dirk Bikkembergs, le foto della sfilata

  • Milano Moda Uomo: l'esploratore polare di Vivienne Westwood, le foto della sfilata

  • Milano Moda Uomo: l'ironico camouflage floreale di Versace, le foto della sfilata
    • shares
    • Mail