Chanel - Haute Couture Paris primavera-estate 2012

chanel

La haute couture di Karl Lagerfeld per Chanel è proprio la collezione che non ti aspetteresti di vedere nella tre giorni di Parigi. L'eclettico stilista porta in scena degli outfit "day use" e lo fa all'interno di un aereo. La scenografia è quella delle alte quote e i capi sono quelli che ci si immagina per un coffee break, non per una grande soirée. Intendiamoci: qui si parla della convenzione che vorrebbe l'alta moda espressa da abiti lunghi ed eleganti. Non si sta mettendo in dubbio il genio creativo di Lagerfeld, che si traduce in termini di ricercatezza e raffinatezza. Del resto, aveva anticipato lui stesso che la collezione haute couture primavera-estate 2012 sarebbe stata la più stravagante di sempre. Anticipazione che non è stata disattesa.

Chanel rende in qualche modo l'alta moda più versatile: elegante ma senza eccessi, con linee semplici che ricordano un'antica sartorialità. Scolli rigidi a barca, maniche in stile vittoriano (come abbiamo visto per la pre-collezione di Alexander McQueen), abiti categoricamente al ginocchio. Mani in tasca e nessun accessorio, tranne che per i capelli, che assumono volumi e forme imprevisti. Provocazione o semplice estro creativo? Qual è la linea di demarcazione tra il prêt-à-porter e la haute couture? Pietre preziose, ricami fatti a mano e dettagli importanti bastano a rendere una collezione "d'alta moda"? Per ora non abbiamo risposte certe a queste domande, sappiamo solo che la semplice eleganza di Chanel merita un 8.

Chanel Haute Couture Paris P/E 2012


Foto | TM News

  • shares
  • Mail