Armani Privé, la signora in rosso conquista Paris Haute Couture

Nero, bianco e insolito rosso: svolta nella palette di colori per lo stilista italiano, che presenta una collezione retrò sulle passerelle di Parigi.

Per cosa è famoso Giorgio Armani? Facile: giacche innanzitutto, poi l'uso di colori eleganti e discreti come il grigio e il blu in tutte le loro gamme. Vedere quale sfumatura e con quale dettaglio sarà arricchito il capo principe di Re Giorgio sulle passerelle è l'appuntamento irrinunciabile di ogni settimana della moda cui partecipi: per questo abbiamo strabuzzato parecchio gli occhi nel vedere le prime fotografie della sfilata della linea haute couture Armani Privè per l'autunno inverno 2014-2015 a Paris Haute Couture.

Nero, bianco e rosso: stop. Giorgio Armani ritorna indietro ad una delle sue ispirazioni più memorabili e riporta in passerella piccoli echi di Giappone attraverso un uso sapiente di colori e dettagli, caratterizzati da pois che prendono vita in 3D su veli, velette e cappe di etereo tulle; le linee dei cappotti si allargano in una A che guarda agli anni Sessanta e li tinge di rosso intenso, con ricami, grafismi geometrici di incastri e gemme brillanti a fare da decorazione.

Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture

Le giacche diventano il complemento perfetto di microabitini completamente incrostati di cristalli discreti e si liberano dei revers per semplificare il più possibile l'impatto del colore grazie alla linea alla coreana e ai grafismi studiati al millimetro.

Giorgio Armani esprime nella collezione Armani Privé autunno inverno 2014-2015 anche la sua personale versione del capo principe di queste stagioni, gli shorts: sottili e regolari, mai troppo corti ma sempre sensuali, si accoppiano alle giacche per degli insoliti tailleur.

Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture
Giorgio Armani Privé Parigi Haute Couture

Una sfilata con un parterre ricchissimo di vip tra cui Jared Leto, Kate Hudson, Chloe Moretz e Pink, che i bene informati assicurano averla sentita dire "Voglio quell'abito nero scintillante! Adoro brillare".

È un sottile gioco di equilibri la sfilata di Re Giorgio, dove l'essenzialità degli elementi chiave quali giacche e linee pulite ed eleganti viene investita da colpi di tulle, sferzate di ricami, cascate di applicazioni, dettagli di veli e velette, inedite apparizioni di pelliccia vibrante. Giorgio Armani sembra aver ritrovato il gusto di un disegno che sappia svecchiare la sua immagine e sfoga nell'alta moda del suo marchio quella capacità creativa che continua indebitamente a farci sognare.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail