La moda eco-sostenibile di Livia Firth

livia giuggioli firth

Livia Giuggioli Firth, moglie dell'attore Colin Firth, è una produttrice cinematografica italiana e la prima imprenditrice ad avere investito sulla moda eco-sostenibile a Londra. È suo infatti il primo store ecologico ed etico della capitale, così come il progetto Green Carpet Challenge, che va a coinvolgere i grandi nomi della moda. In cosa consiste? Nel sensibilizzare una delle industrie che pesano maggiormente in fatto di soldi e impatto ambientale al mondo, fino a lanciare la sfida dell'anno ad alcuni stilisti:

"Ho proposto la sfida a alcuni stilisti da Tom Ford a Valentino a Armani a Rover Vivier e altri. Per ognuno dei grandi appuntamenti da tappeto rosso dell’anno, realizeranno almeno un abito per una celebrity concepito e prodotto secondo le linee guida di Eco-Age. Ma l’obiettivo è molto più ambizioso: ottenere dalla Comunità europea le leggi sulla provenienza dei tessuti."

Più che un progetto ha tutta l'aria di essere una piccola rivoluzione sociale, quella della Firth, che di certo è ambiziosa ma non impossibile: ci sono già molti designers attenti alla sostenibilità e impegnati su questo fronte, come Stella McCartney e Giorgio Armani, che ha accolto l'invito della Firth disegnandole l'abito per la serata dei Golden Globe di quest'anno, ottenuto dal riciclo di bottiglie di plastica. Il tessuto utilizzato, dalla materia alla produzione, è italiana nonché certificata ed è la dimostrazione che una moda attenta all'ambiente e alla giustizia sociale (ergo senza lo sfruttamento di manodopera a basso costo) non solo è possibile , ma anche molto più facile di quanto si possa pensare. Sono molte altre le iniziative sposate dall'imprenditrice per promuovere e divulgare il progetto, a breve vi daremo altri dettagli con una rubrica dedicata all'eco-fashion.

Livia Giuggioli Firth
Livia Giuggioli Firth
Livia Giuggioli Firth
Livia Giuggioli Firth
Livia Giuggioli Firth

Livia Giuggioli Firth

Via | Ecoblog
Foto | TMNews

  • shares
  • Mail