Sfilate di Parigi, la zampata personale di Alexander Wang segna la passerella atletica di Balenciaga

Il designer statunitense mette finalmente il suo tocco speciale nelle creazioni per la casa di moda di Cristobal Balenciaga, con una collezione a tema diamante.

Da quando Balenciaga è nelle mani di Alexander Wang quale direttore creativo, ci siamo abituati a collezioni molto belle ed emozionanti, anche se troppo impegnate a rispettare da una parte l'archivio storico di un marchio tanto gigante, dall'altra il lavoro monster fatto in precedenza dall'amatissimo Nicolas Ghèsquiere prima del suo trasferimento da Louis Vuitton.

Con la collezione primavera estate 2015, qualcosa deve essersi sbloccato per Alexander Wang e la sfilata di Balenciaga sulle passerelle di Parigi del secondo giorno è diventata ben più personale, come se il designer statunitense avesse finalmente dato una zampata all'importanza dell'heritage per unire finalmente la sua visione creativa alla storia del marchio.

ByX-GofCcAALp5K

Le linee sono semplici e geometriche, dominate dal pattern del diamante in quanto taglio che si ripete a creare delle reti sportive, quasi da atleti, e inserti cut-out che sensualizzano i capi. L'ispirazione, a quanto pare, deriva niente meno che dal Tour De France, al quale Alexander Wang ha assistito in qualità di spettatore: e dalle divise dei ciclisti sembrano arrivare proprio i tessuti aderenti al corpo come guanti, le calzature che sembrano perfette per incastrarsi sui pedali, le silhouette atletiche che hanno dominato la passerella.

La palette dei colori, come è stato costume in tutte le sfilate primavera estate 2015 che abbiamo visto tra New York, Londra e Milano fino a Parigi, è spenta: per Balenciaga Alexander Wang ha scelto nero, bianco, un tono tenue di rosa cipria, un delicato lavanda slavato e un elegante grigio perla. Eleganza sommessa nei colori, linee sportive negli abiti: con questo contrasto Balenciaga ha sfilato su una passerella di specchi a simulare i diamanti dei tagli degli abiti. Qualcosa forse non ha convinto fino in fondo, forse siamo solo agli inizi dell'affermazione personale di Alexander Wang in Balenciaga, ma una cosa possiamo riconoscergliela: almeno ha cominciato.