Seguici su

Fashion news

Caso Anniken Jørgensen, fashion blogger svedese vs H&M: dove sta la verità?

Una fashion blogger svedese denuncia il lavoro sfruttato che si cela dietro alla produzione di abiti low cost. Ecco come si difende H&M.

In questi giorni non si è parlato d’altro. Testate online e cartacee hanno riportato titoloni indignati del genere: “ecco cosa c’è dietro al marchio di abbigliamento low cost svedese H&M” (!!). I fatti narrano di una giovane fashion blogger svedese 18enne (non 17enne, come scrivono in molti), Anniken Jørgensen, che dopo aver partecipato ad un web reality, Sweatshop, ideato e prodotto da Aftenposten, ha deciso di denunciare quanto visto. Ovvero sfruttamento dei lavoratori (donne, anche incinte, bambini, anziani), condizioni igienico-sanitarie precarie, stipendi ben al di sotto dei termini previsti dalla legge locale. Sì, perché il docu-reality consisteva nel mandare in Cambogia tre dei fashion blogger svedesi più conosciuti in patria e far testare loro le condizioni precarie a cui sono costretti i lavoratori locali. Tra pianti, prese di coscienza e incredulità, i tre giovani dopo un mese sono tornati in Svezia e costretti, pare, dall’Aftenposten a non fare i nomi delle aziende che producono abiti in quelle fabbriche cambogiane. Un nome su tutti: H&M.

Ora, fin qui non c’è nulla di nuovo: oramai, loro malgrado o volutamente in mala fede, la maggior parte delle aziende delocalizzano le produzioni nel sud-est asiatico, dove è risaputo che la manodopera costa molto meno. Questo non per volere delle aziende stesse, che comunque sono tenute a vigilare sulla rettitudine dei propri fornitori, ma per questioni politiche e culturali. La novità, semmai, è che molte delle produzioni vengono ora demandate all’est europeo, dove i lavoratori sono molto più sfruttati e sottopagati dei colleghi asiatici. Pratica deplorevole, ma purtroppo, molto diffusa, a tutti i livelli: alta moda, prêt-à-porter, fast fashion. Per farsi un’idea basta consultare il report 2014 di Abiti Puliti.

Ma dicevamo del caso fashion blogger-H&M: Anniken Jørgensen ha deciso di parlare e di denunciare sul suo blog l’amaro dietro le quinte di un’industria sempre più invasiva in termini sociali e ambientali. A questo punto l’azienda low cost avrebbe chiamato in sede la giovane per un colloquio privato e per chiarire la sua posizione in merito. Fashionblog ha contattato sia Anniken Jørgensen che H&M per avere informazioni dettagliate sulla vicenda, visto che tutte le fonti attendibili sono in svedese e comprensibili solo a Filippa Lagerback, ma a oggi, la fashion blogger non ha ancora risposto. In compenso H&M ci ha girato questo comunicato stampa:

L’immagine ritratta di H&M, nel programma web-TV è imprecisa e nessuno degli stabilimenti visitati nel programma produce capi di abbigliamento per H&M. Né i produttori né le ragazze ci hanno contattato per chiedere informazioni quando hanno registrato il programma. Ma è importante che i nostri clienti e gli azionisti abbiano un corretto quadro della nostra azienda e delle responsabilità che ci prendiamo.

Abbiamo da molti anni fatto dei grandi sforzi nei paesi di produzione esistenti per migliorare le condizioni di lavoro e rafforzare i diritti dei lavoratori. H&M ha uno dei più alti standard di sostenibilità nell’industria al mondo nei confronti dei propri fornitori. È da sempre nella nostra visione aziendale che i lavoratori dell’industria tessile debbano vivere con i propri salari. Tutto ciò è evidenziato anche nel nostro Codice di Condotta.

Quando chiediamo ulteriori lumi sul caso veniamo rimandati alla sezione sustainability del sito H&M, dove, in effetti, i dati relativi ai fornitori dell’azienda sono piuttosto dettagliati e sufficientemente esaustivi. E fino a che la bella e bionda Anniken Jørgensen non ci risponde, ci dovremo accontentare di questa risposta, senza che ci sia un vero e proprio contraddittorio sulla questione (a meno che non intervenga la traduzione di Filippa Lagerback: Fil, solo tu puoi aiutarci). Quel che è certo è che H&M è una delle multinazionali fashion più attente alla moda sostenibile, sia in termini ecologici che etici. E non lo scriviamo per fare marchetta, né perché riceviamo in regalo un sacco di abiti gratis, ma solo perché, obiettivamente, H&M è una delle poche aziende che ci prova. Non sarà molto, ma almeno è un inizio. Demonizzare serve ad esorcizzare il problema? Noi crediamo di no.

Leggi anche

orologio di lusso orologio di lusso
Accessori22 ore ago

Orologio di Lusso: in che occasioni regalarlo

La diffusione di device che segnano l’ora, dal cellulare alla sveglia digitale fino alla smart tv, sembrava aver reso superfluo...

Skincare, pulizia pelle Skincare, pulizia pelle
Beauty1 giorno ago

Cosmetici naturali: la scelta consapevole per una pelle radiosa

Negli ultimi anni, l’attenzione verso i cosmetici naturali è cresciuta esponenzialmente. Sono sempre di più i consumatori e le consumatrici...

moda sostenibile moda sostenibile
Fashion news6 giorni ago

Eco-fashion: come essere stilosi e sostenibili

Ecco qualche consiglio per essere stilosi e sostenibili allo stesso tempo. Negli ultimi anni, l’interesse per la moda sostenibile è...

donna a un colloquio di lavoro donna a un colloquio di lavoro
Fashion news2 settimane ago

Come vestirsi per impressionare: guida allo stile per colloqui e riunioni

Ecco qualche consiglio per vestirsi quando bisogna presentarsi ad un colloquio o ad una riunione. L’abbigliamento è un aspetto fondamentale...

Illuminazione giardino Illuminazione giardino
Accessori3 settimane ago

Illuminare il giardino con i led: consigli e idee

Le lampade a Led da esterno sono una delle soluzioni migliori per illuminare i giardini poiché offrono possibilità illimitate di...

fare upcycling fare upcycling
Fashion news3 settimane ago

Upcycling: rivoluzionare il proprio guardaroba con la moda sostenibile

L’upcycling è una pratica che sta rivoluzionando il mondo della moda sostenibile. Ecco cos’è. Negli ultimi anni, sempre più persone...

modelle in intimo, inclusività nel mondo della moda modelle in intimo, inclusività nel mondo della moda
Fashion news4 settimane ago

Fashion for all: inclusività e diversità nel mondo della moda

Scopriamo come il valore dell’inclusività e della diversità stanno influenzando il mondo della moda. La moda è un settore che...

Donna capelli mani in testa Donna capelli mani in testa
Beauty1 mese ago

Come combattere i danni da calore sui capelli

Cosa vuol dire avere i “capelli danneggiati”? Il danno ai capelli si riferisce alla rottura fisica o chimica delle strutture...

Grace Kelly Grace Kelly
Fashion news1 mese ago

Icone di stile del cinema: lezioni di moda dai film

Ecco alcune delle icone di stile più famose del mondo del cinema. Il cinema ha sempre avuto un grande impatto...

Trekking in montagna Trekking in montagna
Fashion news1 mese ago

Soggiorni estivi nelle zone vacanze dell’Alto Adige

Tutti coloro che amano le vacanze nelle zone montane hanno sicuramente preso in considerazione un soggiorno nel territorio dell’Alto Adige,...

tecnica del layering tecnica del layering
Fashion news1 mese ago

Guida al layering: tecniche per un look multistrato perfetto

Oggi capiamo cos’è il layering e come farlo nel modo corretto. Il layering è una tecnica di abbigliamento che consiste...

fashion show fashion show
Fashion news2 mesi ago

Fashion week insider: highlights e must-have dalle ultime sfilate

Ecco alcuni dei momenti salienti e i must-have delle ultime sfilate di moda. Le settimane della moda sono eventi molto...