Seguici su

Fashion news

Caso Anniken Jørgensen, fashion blogger svedese vs H&M: dove sta la verità?

Una fashion blogger svedese denuncia il lavoro sfruttato che si cela dietro alla produzione di abiti low cost. Ecco come si difende H&M.

In questi giorni non si è parlato d’altro. Testate online e cartacee hanno riportato titoloni indignati del genere: “ecco cosa c’è dietro al marchio di abbigliamento low cost svedese H&M” (!!). I fatti narrano di una giovane fashion blogger svedese 18enne (non 17enne, come scrivono in molti), Anniken Jørgensen, che dopo aver partecipato ad un web reality, Sweatshop, ideato e prodotto da Aftenposten, ha deciso di denunciare quanto visto. Ovvero sfruttamento dei lavoratori (donne, anche incinte, bambini, anziani), condizioni igienico-sanitarie precarie, stipendi ben al di sotto dei termini previsti dalla legge locale. Sì, perché il docu-reality consisteva nel mandare in Cambogia tre dei fashion blogger svedesi più conosciuti in patria e far testare loro le condizioni precarie a cui sono costretti i lavoratori locali. Tra pianti, prese di coscienza e incredulità, i tre giovani dopo un mese sono tornati in Svezia e costretti, pare, dall’Aftenposten a non fare i nomi delle aziende che producono abiti in quelle fabbriche cambogiane. Un nome su tutti: H&M.

Ora, fin qui non c’è nulla di nuovo: oramai, loro malgrado o volutamente in mala fede, la maggior parte delle aziende delocalizzano le produzioni nel sud-est asiatico, dove è risaputo che la manodopera costa molto meno. Questo non per volere delle aziende stesse, che comunque sono tenute a vigilare sulla rettitudine dei propri fornitori, ma per questioni politiche e culturali. La novità, semmai, è che molte delle produzioni vengono ora demandate all’est europeo, dove i lavoratori sono molto più sfruttati e sottopagati dei colleghi asiatici. Pratica deplorevole, ma purtroppo, molto diffusa, a tutti i livelli: alta moda, prêt-à-porter, fast fashion. Per farsi un’idea basta consultare il report 2014 di Abiti Puliti.

Ma dicevamo del caso fashion blogger-H&M: Anniken Jørgensen ha deciso di parlare e di denunciare sul suo blog l’amaro dietro le quinte di un’industria sempre più invasiva in termini sociali e ambientali. A questo punto l’azienda low cost avrebbe chiamato in sede la giovane per un colloquio privato e per chiarire la sua posizione in merito. Fashionblog ha contattato sia Anniken Jørgensen che H&M per avere informazioni dettagliate sulla vicenda, visto che tutte le fonti attendibili sono in svedese e comprensibili solo a Filippa Lagerback, ma a oggi, la fashion blogger non ha ancora risposto. In compenso H&M ci ha girato questo comunicato stampa:

L’immagine ritratta di H&M, nel programma web-TV è imprecisa e nessuno degli stabilimenti visitati nel programma produce capi di abbigliamento per H&M. Né i produttori né le ragazze ci hanno contattato per chiedere informazioni quando hanno registrato il programma. Ma è importante che i nostri clienti e gli azionisti abbiano un corretto quadro della nostra azienda e delle responsabilità che ci prendiamo.

Abbiamo da molti anni fatto dei grandi sforzi nei paesi di produzione esistenti per migliorare le condizioni di lavoro e rafforzare i diritti dei lavoratori. H&M ha uno dei più alti standard di sostenibilità nell’industria al mondo nei confronti dei propri fornitori. È da sempre nella nostra visione aziendale che i lavoratori dell’industria tessile debbano vivere con i propri salari. Tutto ciò è evidenziato anche nel nostro Codice di Condotta.

Quando chiediamo ulteriori lumi sul caso veniamo rimandati alla sezione sustainability del sito H&M, dove, in effetti, i dati relativi ai fornitori dell’azienda sono piuttosto dettagliati e sufficientemente esaustivi. E fino a che la bella e bionda Anniken Jørgensen non ci risponde, ci dovremo accontentare di questa risposta, senza che ci sia un vero e proprio contraddittorio sulla questione (a meno che non intervenga la traduzione di Filippa Lagerback: Fil, solo tu puoi aiutarci). Quel che è certo è che H&M è una delle multinazionali fashion più attente alla moda sostenibile, sia in termini ecologici che etici. E non lo scriviamo per fare marchetta, né perché riceviamo in regalo un sacco di abiti gratis, ma solo perché, obiettivamente, H&M è una delle poche aziende che ci prova. Non sarà molto, ma almeno è un inizio. Demonizzare serve ad esorcizzare il problema? Noi crediamo di no.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche

pellicce inverno 2022 pellicce inverno 2022
Moda Donna1 giorno ago

Tendenze pellicce inverno 2022

Ecco quali sono le idee di stile più fashion per le pellicce della stagione AI 2022 Le pellicce sono da...

pantone viva magenta pantone viva magenta
Fashion news2 giorni ago

Il colore dell’anno: Pantone Viva Magenta

Ecco qual è il colore dell’anno per il 2023 secondo Pantone L’attesa è finita, e Pantone ha appena rivelato quale...

Toosh Toosh
Abbigliamento3 giorni ago

Ispirazioni per regali di Natale di lusso per stupire chi ami

La magia nell’aria, i profumi della tradizione, la famiglia che si riunisce: nel Natale ci sono tutti – ma proprio...

gruppo di amici settimana bianca gruppo di amici settimana bianca
Abbigliamento4 giorni ago

Come vestirsi per la settimana bianca: collezioni 2022

Come vestirsi sulle piste? Ecco le collezioni per la settimana bianca Inverno, per molti, significa montagna e sci. Se avete...

lana bianca lana bianca
Abbigliamento4 giorni ago

Dalla lana alla seta, i tessuti naturali migliori contro il freddo

Vestire caldi e sentirsi bene. Quali sono i filati naturali ed ecologici più adatti per affrontare l’inverno? Ecco i materiali...

siti web per lavorare nella moda siti web per lavorare nella moda
Fashion news5 giorni ago

Come fare a lavorare nella moda?

Per chi cerca lavoro nella moda esistono portali specializzati nel settore in cui i principali brand della moda pubblicano i...

orologio di lusso orologio di lusso
Accessori5 giorni ago

Come scegliere e abbinare un orologio da uomo: una guida pratica

L’orologio è un accessorio estremamente comune, che abbina una funzione pratica (segnare l’orario) ad una di carattere estetico. Con l’avvento...

viaggio aereo passaporto estero viaggio aereo passaporto estero
Accessori5 giorni ago

Consigli per un bagaglio leggero, ordinato e ben fornito

Per viaggiare in libertà, senza troppi carichi da trascinare dallo scalo all’albergo, occorre imparare a essere essenziali e, soprattutto, a...

tendenze cappotti inverno 2022 tendenze cappotti inverno 2022
Abbigliamento6 giorni ago

Tendenze cappotti inverno 2022

Quali sono i migliori trend per i cappotti dell’inverno? La stagione invernale è arrivata, le temperature sono crollate e ci...

Alta Moda1 settimana ago

I grandi stilisti degli Anni Cinquanta

La moda dell'epoca è disegnata da couturier rivoluzionari e inventori di stili unici, come il tanto celebrato New Look o...

Borse1 settimana ago

Borse Gucci: gli outlet dove trovarle a prezzi scontati

Gli outlet in Italia dove acquistare le splendide borse del celebre marchio di pelletteria fiorentina.

News Alessandro Michele lascia Gucci News Alessandro Michele lascia Gucci
Brand e Case di moda1 settimana ago

Alessandro Michele lascia Gucci

È ufficiale l’addio del Direttore Creativo alla maison La notizia trapelata nelle ultime ore è vera: Alessandro Michele lascia Gucci....