Come vestirsi per passare una giornata sulla neve

La neve è fascinosa ma per essere domata nel modo corretto, ci vuole un abbigliamento giusto: caldo, pratico e impermeabile.Ciò non vuol dire rinunciare a essere chic, anzi. Ricordiamo però che la montagna impone alcune regole di buon senso anche in materia di look.

Passare una giornata sulla neve è un diversivo piacevolissimo. La montagna regala panorami incredibili, il divertimento di stare all’aria aperta, magari con gli amici e praticando del sano sport. È però importante essere equipaggiati nel modo giusto, perché non c’è nulla di peggio di soffrire il caldo e soprattutto il freddo. Come vestirsi quindi per stare sulla neve? Bisogna fare una serie di distinzioni: un conto è andare in un rifugio con la seggiovia, mangiare e prendere il sole, un conto è ciaspolare o sciare. Ovviamente l’abbigliamento è diverso. Ecco quindi i nostri consigli caso per caso.

abbigliamento-montagna

Giornata in baita

Per una gita in baita, raggiunta con una bella seggiovia o una piccola passeggiata, come bisogna vestirsi? Partiamo dalla punta dei piedi e arriviamo alla testa: ci vogliono dei calzettoni caldi, possibilmente con punta e tallone rinforzato e delle scarpe antiscivolo e impermeabili. Mettete pure una tuta termica. Se volete vanno bene anche giacca a vento e pantaloni pesanti. Sotto ci vuole un abbigliamento a strati: un pile con una maglia o una camicia (non deve mancare anche la maglietta intima). Mi raccomando arrivati in baita, spogliatevi perché di solito sono molto calde. Durante il tragitto: cappellino, occhiali da sole, guanti e sciarpa.

Giornata di sci

Lo sci obbliga un abbigliamento tecnico, perché bisogna prima di tutto considerare che muovendosi si genera energia e quindi calore, ma ci sono anche numerose pause in cui si è fermi (come sui mezzi di risalita) ed esposti al vento e al freddo. Ci vuole una bella tuta da sci o tuta termica (intera o due pezzi). Sotto di solito ci vuole una calzamaglia, un paio di calzettoni e una maglia termica. I più freddolosi indossano anche un pile. Non devono mancare i guanti, spesso indossati con i sotto-guanti, gli occhiali da sole o la maschera e il casco (che può sostituirsi al cappellino, altrimenti esistono dei passamontagna sottilissimi). Ricordate di mettere tanta crema solare.

Giornata sulle ciaspole

L’abbigliamento è simile a quello per sciare, con qualche piccola differenza. Di solito non si usa il casco, quindi vi ci vuole un bel cappello e avete bisogno di scarpe da neve antiscivolo e impermeabili. Non vestitevi troppo sotto la tuta da sci, perché se si ciaspola in salita si tende a sudare molto (in uno zainetto portatevi semmai un cambio, come una maglia o un maglione se fa freddo o in baita avete deciso di spogliarvi). I guanti sono fondamentali. Per non aver le dita gelate si consigliano le moffole, perché all’interno si possono muovere le dita. Non ciaspolate in jeans o in pantaloni invernali non impermeabili, perché se vi bagnate potrebbe davvero essere un disastro. Asciugarsi è impossibile e il freddo potrebbe rendere impossibile la vostra gita.

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail