Milano Moda Uomo Gennaio 2015, news e anticipazioni: sfila Gucci e Frida Giannini non firma la collezione

Tutte le notizie e le anticipazioni sulle sfilate che dal 17 Gennaio prossimo animeranno la moda uomo di Milano.

Gucci, collezione preparata in una settimana. Alessandro Michele raccoglie gli applausi

gucci

19 gennaio 2015

Che ci sia un po’ di caos in casa Gucci è cosa nota, soprattutto perché l’addio di Frida Giannini non è per nulla indolore. Sono passate poche settimane da quando l’azienda ha dato l’annuncio ufficiale: la designer abbandonerà la direzione creativa a febbraio. Ecco poi la notizia che ha sconvolto il mondo della moda. I vertici Gucci hanno deciso che questo temporeggiare altro non è che una stupida attesa e così venerdì scorso Frida si è congedata.

Oggi è andata in scena la presentazione della collezione maschile autunno inverno 2015-2016 durante la Milano Moda Uomo. Frida non è uscita in passerella, probabilmente non ha neanche partecipato alla sfilata. Gli applausi sono stati raccolti da Alessandro Michele, braccio destro della stilista e quotato da molti come futura matita di punta della maison.

Questo gesto dimostra anche una seconda cosa: la collezione non è stata preparata da Frida ma dal team creativo della casa di moda. La nuova era è iniziata. C’è poco da fare e la nuova collezione non ha fatto sentire la mancanza della stilista, anzi ci è sembrata molto fresca. Nonostante si dica sia stata confezionata in una sola settimana.

Foto | Gucci su Facebook

(v.r)

Le foto di Giovanni Gastel in via Montenapoleone


gastel

Dal 14 al 21 Gennaio 2015 in Via Montenapoleone si svolge la mostra fotografica di Giovanni Gastel, uno dei fotografi più celebri del nostro paese: in occasione di Milano Moda Uomo, la mostra Gastel on the road ripercorre la carriera del fotografo di moda milanese che con i suoi ritratti e servizi fotografici ha saputo cogliere l'evoluzione del mondo fashion dagli splendidi anni Ottanta fino ai giorni nostri.

L’esposizione delle fotografie è stata organizzata dall’Associazione MonteNapoleone in collaborazione con la Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI) e curata da Alessandro Cocchieri: le fotografie di Giovanni Gastel ritraggono icone maschili di stile e carisma quali Roberto Bolle, Germano Celant, Roberto D’Agostino, Francesco Scianna, Ettore Sottsass in una ideale passerella di 27 immagini esposte direttamente nella via dello shopping milanese, e perciò facilmente fruibili da tutti.

La mostra rivela il talento indiscusso del noto fotografo che unisce sapientemente moda e mondo maschile, ritraendo una galleria eclettica di uomini mettendone in risalto dettagli di stile. Questa mostra inaugura un ricco calendario di eventi che MonteNapoleone ha voluto organizzare per il 2015 e per il periodo di EXPO

ha dichiarato il Presidente dell’Associazione MonteNapoleone Guglielmo Miani.

Non è stato da meno Mario Boselli, Presidente della Camera della Moda, che ha sottolineato l'importanza del lavoro del fotografo Giovanni Gastel nella celebrazione della moda italiana:

Siamo molto lieti di aver collaborato a questa bella iniziativa dell’Associazione MonteNapoleone che tributa il giusto riconoscimento a Giovanni Gastel, grande artista e stimato amico in un momento così significativo per la città come Milano Moda Uomo rappresenta.

Se vi capitasse di girare per via Montenapoleone tra le immagini di Giovanni Gastel esposte lungo la strada, mandateci le vostre testimonianze fotografiche!

Via | Cameramoda

(a.g.)

I nuovi talenti italiani della moda uomo a Milano


Sul sito dedicato di Milano Moda Uomo c'è una categoria apposita per loro: sono i New Talents, i giovani talenti della moda italiana e internazionale che sono riusciti ad emergere nel fashion system grazie a capacità innovative e collezioni in grado di sedurre le passerelle.

Potrebbe sembrare una ghettizzazione e in realtà non lo è: nell'infinita offerta di sfilate che da calendario animeranno il menswear di Milano con la presentazione delle collezioni autunno inverno 2015-2016, le storie dei giovani designer raccontano l'altro versante della creazione e dell'ispirazione: lavoro, dedizione, incoscienza e naturalmente un bel po' di fortuna che gli hanno permesso di emergere debitamente nel marasma di proposte che la moda offre.

Schermata 2014-12-28 alle 12.34.07

Andrea Pompilio, Christian Pellizzari, D.Gnak, Julian Zigerli, MSGM, Stella Jean e Tom Rebl spiegano in pochissime righe che cosa significhi la moda per loro: le loro dichiarazioni in punta di penna (o di tastiera) sono piccoli spaccati dell'estetica che amano portare avanti.

Andrea Pompilio

Colori e pattern sorprendenti, mescolati e accostati nel modo più naturale, ma anche inaspettato...questa è la mia estetica.

Christian Pellizzari

Mi piace descrivere il mio stile come una contaminazione continua.

D.Gnak

Personalmente credo che la moda abbia una forte connessione con la dimensione del gioco. Quindi se mi diverto con la moda e ci gioco, credo che chiunque possa sentire quell'energia attraverso le mie collezioni.

Julian Zigerli

'Point fingers and call names' (punta il dito e chiamali per nome, ndr) è il tema della collezione. La filosofia di vita è interpretata come lussuosa, superficiale ed elegante, ma vista in profondità diviene parte propria.

MSGM (Massimo Giorgetti)

Mi piace la traduzione letterale, dal dizionario, della parola Moda. Per me la moda oggi è quello che è sempre stato, anzi, oggi, lo è ancora di più: consuetudine, comunità, appartenenza. è voler fare parte di un gruppo per emergere o amalgamarsi.

Stella Jean

Più che una designer in senso canonico, mi vedo come una storyteller: le mie collezioni hanno l'ambizione di diventare narrazioni e di essere, oltre che guardate, ascoltate.

Tom Rebl

Racconto una moda in equilibrio tra sartorialità italiana e sperimentazione, tra mito e realtà contemporanea.

(a.g.)

Edmund Ooi sfila da Giorgio Armani


23 Dicembre 2014

Il prossimo 17 Gennaio inizierà ufficialmente la Milano Moda Uomo che porterà in passerella le collezioni menswear per il prossimo autunno inverno 2015-2016: il calendario di Milano Moda Uomo concentra nei quattro giorni dal 17 al 20 Gennaio 2015 una lista lunga e nutrita di designer e stilisti, tra vecchi leoni e giovani promesse della moda internazionale.

La notizia piacevole riguarda l'ennesimo riguardo di Re Giorgio Armani verso i nuovi nomi e volti che presentano le collezioni sulle passerelle: in occasione di questa edizione della Milano Moda Uomo, Re Giorgio ha offerto il suo celebre Teatro Armani di Via Bergognone 59 allo stilista di origine malese Edmund Ooi, premiato a soli 19 anni con il Best Avant-Garde Designer e formatosi artisticamente ad Anversa, dove si trova una delle migliori scuole di moda al mondo.

campaign4x

Non è una novità per Giorgio Armani, anzi: già negli anni precedenti lo stilista di Piacenza, fresco ottantenne, aveva ospitato nel suo teatro alcuni nomi diventati stelle di punta del fashion internazionale, tra cui Au Jour Le Jour, Angelos Bratis, Stella Jean e Julian Zigerli.

Il percorso a sostegno della nuova generazione di designer, iniziato ormai da alcune stagioni, continua ad appassionarmi perché ne vedo concretamente i frutti e cerco di mantenere una prospettiva internazionale. Il malese Edmund Ooi è il designer che ho scelto questa stagione. Gli auguro un futuro ricco di soddisfazioni,

ha dichiarato Re Giorgio.

Edmund Ooi non ha potuto nascondere la propria soddisfazione per questa "promozione sul campo":

Mi sento incredibilmente onorato di essere stato scelto da Giorgio Armani per sfilare e presentare la mia collezione nel suo bellissimo teatro. Per un giovane designer come me, l’emozione e la gratitudine per l’opportunità di poter mostrare al mondo il proprio lavoro e ciò in cui crede vanno ben oltre ogni parola.

La sfilata di Edmund Ooi all'Armani Teatro è prevista per il primo giorno della Milano Moda Uomo, il 17 Gennaio 2015.

Via | Camera della Moda

  • shares
  • Mail