1205 porta alla London Fashion Week una collezione autunno inverno 2015-2016 iper castigata

Il brand emergente 1205 sfila alla London Fashion Week con una collezone autunno inverno forse troppo castigata


1205 AI 2015-2016

1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016
1205 AI 2015-2016

Il brand 1205, della stilista emergente Paula Gerbase, ha calcato ieri sera le passerelle della London Fashion Week, portando in scena una collezione autunno inverno 2015-2016 dalle linee pulite, castigatissime e dallo stile quasi monacale.

Non esageriamo affatto nelle definizioni, visto che alcuni pezzi visti sul catwalk rimandavano alla mente lo stile degli abiti talari di alcuni ordini monastici. Serie come delle madri badesse, le modelle hanno sfilato ad un passo più lento dello standard, rendendo la suggestione ancora più reale.

Nel complesso la collezione è omogenea, senza sbavature, utilizza una palette di colori limitata (verde oliva, nero, bianco, grigio, blu notte e marrone) ed è caratterizzata da tagli morbidi e scivolati, orli delle gonne di almeno 5cm sotto al ginocchio e pantaloni ampi. Lo stile sfocia facilmente nel maschile, eliminando tutto ciò che è affiancato e privilegiando le linee dritte e rigorose.

1205 AI 2015-2016

Ci piace

1205 AI 2015-2016

Anche se la collezione 1205 per la prossima stagione fredda risulta forse un po' statica, dobbiamo dire che ci sono degli spunti interessanti che vale la pena evidenziare. Mettiamo nella lista dei like le asimmetrie dei maglioni e le chiusure ad anello di giacche, abiti e mantelle. Un po' di luce e movimento per rendere l'autunno inverno meno grigio.

Non ci piace

1205 AI 2015-2016

Paula Gerbase sembra che abbia voluto coprire di proposito la femminilità, scegliendo uno stile garçonne che nasconde le forme senza appelli. Ci chiediamo poi, ma qui è ignoranza nostra, come si indossi la tuta da metalmeccanico verde che ha sfilato in passerella. È vero che le foto del live streaming difficilmente svelano i dettagli, ma ad un primo sguardo non abbiamo notato né zip né bottoni per entrarci dentro. Chiederemo alla Fiom.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail