Valentino venduto al Qatar

Valentino

Valentino è stato venduto dal fondo Permira e i Marzotto alla holding finanziaria del Qatar Mayhoola for investments - dietro cui pare si celi la famiglia reale - per la stellare cifra di 700 milioni di euro. E così, dopo le cessioni di Gucci, Fendi e Bulgari, anche un'altra storica maison italiana prende il volo verso l'estero. Per la precisione in quella parte di globo dove il lusso è una priorità e un mercato in continua crescita, soprattutto per la famiglia reale dell'emirato mediorientale, che vanta acquisizioni come i grandi magazzini londinesi Harrod's e partecipazioni nel gruppo francese del lusso Lvmh e in Tiffany, il colosso americano dei gioielli più conosciuti al mondo.

Valentino Garavani, lo storico stilista e fondatore, lasciò l'azienda nel 2007 dopo 45 anni di onorata carriera e il gruppo venne acquisito da Parmira con un investimento da 5,3 miliardi di euro che consentì l'acquisizione anche di Hugo Boss e delle licenze per brand come Mcs Marlboro Classics e Missoni. La notizia della cessione era trapelata già qualche giorno dal quotidiano inglese Telegraph, ma solo oggi è arrivata la conferma ufficiale. Il gruppo Valentino ha chiuso il 2011 con un fatturato di 322 milioni di euro, con una crescita del 60% del fatturato tra il 2009 e il 2012. Dalla Mayhoola l'annuncio dell'acquisizione record:

"Valentino è da sempre un marchio di grande fascino e di indiscusso posizionamento. Siamo rimasti colpiti dal lavoro fatto in questi anni dai direttori creativi Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli e da tutto il management team guidato da Stefano Sassi. La loro capacità di coniugare l'estetica e i valori definiti dal fondatore Valentino Garavani con una visione contemporanea e sofisticata ha reso il marchio estremamente attuale e con un grande potenziale di sviluppo. Il nostro obiettivo è quello di supportare il management al fine di raggiungere una piena valorizzazione delle prospettive di questo magnifico marchio. Crediamo inoltre che Valentino sia la base di partenza ideale per creare una piu' ampia presenza nel settore del lusso."

Via | Ansa

  • shares
  • Mail