Capelli star anni

Gli anni Sessanta sono stati gli anni delle minigonne, degli abiti a trapezio e dei pantaloni scampanati, sono stati però anche gli anni dei cerchietti e dei capelli cotonati. Come sempre il look di una persona è fatto dai vestiti, ma anche dal modo di pettinarsi e di truccarsi. Per questo motivo oggi passiamo in rassegna quelle che sono le acconciature in stile da copiare sia per chi porta i capelli lunghi sia per chi ama quelli corti.

Prima di tutto gli anni Sessanta sono caratterizzati da una piccolissima riga laterale (con piccolissima intendiamo poco profonda, quasi un paio di cm a partire dall’attaccatura della fronte) e da un lungo ciuffo portato dietro a un orecchio o fermato con un cerchietto. Non si usano i tagli scalati. Infatti, quelli più comuni sono i caschetti corti o lunghi, un po’ in stile Jackie Kennedy.

Capelli star anni
Capelli star anni
Capelli star anni


La seconda metà di questo periodo, sempre per citare la first lady più famosa degli Stati Uniti, ha visto le punte dei capelli guardare verso l’alto. I cerchietti assomigliavano a dei fascioni rigidi, di plastica, molto spesso a fantasie colorate in coordinato con il vestito. Immancabile la cotonatura, soprattutto sulla parte alta della nuca per dare volume all’acconciatura. Un evergreen del periodo è lo chignon alto.

Possiamo dire che questo tipo di raccolto era l’acconciatura elegante per eccellenza, quindi adatta alle grandi occasioni o per il giorno delle nozze. Le amanti dei capelli corti sapranno che il look del momento è la scodellina. Ricordiamo le cantanti italiane, da Rita Pavone a Mina, e questo taglio improbabile che poteva alternare o il ciuffo laterale o la frangettina dritta, stile Fantaghirò. Possiamo anche dire che si tratti di un look un po’ unisex: i Beatles hanno, infatti, lasciato il segno non solo per le loro canzoni, ma anche per i capelli.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Accessori Leggi tutto