Manolo Blahnik si ribella alle zeppe

"Mostruose, malsane, vigliacche, volgari. Fanno sembrare tutte figlie di Frankenstein...", così definisce le zeppe il mago dello stiletto, Manolo Blahnik.

Difficile digerire le sterzate della moda in fatto di calzature per chi ha costruito la propria professione in cima ad un tacco affusolato da 12 cm. Vedere le goffe zeppe accanto alle sue incredibili creazioni, deve aver fatto rabbrividire il nostro povero Manolo, che non vuole sentire ragioni: «La nuova frontiera? O mio Dio, con quello che si vede in giro non si può che migliorare. La moda vuole cambiare, per vendere, ma io preferisco continuare per la mia strada, fatta di piccoli cambiamenti, per oggetti comunque senza tempo. Al diavolo gli stylist che impongono alle celebrità di indossare quella roba e al diavolo la generazione Mtv che non ha conosciuto i tacconi e ora li sfoggia come un trofeo. L'eleganza è un'altra cosa»


D'altra parte il suo lavoro è apprezzato, se non idolatrato da star internazionali, e la sua fama non accenna a diminuire. Manolo e i suoi tacchi a spillo sono un must oltreoceano, ma anche qui in Europa non si scherza.

Insomma, zeppe?No grazie. E se le caviglie accusano su tacchi affusolati, non vi preoccupate, Manolo ci sta già pensando. Prossima frontiera? Le scarpe che massaggiano i piedi!

fonte: corriere

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: