Roberto Capucci: una liaison tra arte e couture

Roberto CapucciRoberto Capucci approda al mondo alla moda, poco più che diciotenne, aprendo un atelier nel 1951. A soli ventisei anni viene giudicato il miglior creatore della moda italiana, come sostiene Christian Dior.

Quello che ha reso Capucci unico nella storia della moda è il concetto della creatività pura, svincolato da qualunque condizionamento. Le su creazioni oniriche e fiabesche sfidano il tempo, il suo gusto della sperimentazione e una valenza artistica talmente forte fanno vivere i suoi abiti fuori dal trascorrere delle mode.

E’ proprio da questa sua indole che prende corpo ola sua scelta di allontanarsi dal fashion system ed avvicinarsi al mondo dell’arte e dell’architettura. Gli abiti come vere e proprie opere d’arte nelle quali avvolte nell’aura dell’unicità. Vere e proprie strutture che giocano con materiali inediti, tagli sartoriali complessi, giochi di colore emozionanti. Gli infiniti percorsi dell'immaginazione prendono forma nelle gonne e nei boleri.

Oggi Capucci vuole raccontare il suo percorso a tutti i giovani che come lui sognano di diventare grandi stilisti. Mettere tutto il suo lavoro a disposizione di chi lo vuole scoprire. E lo fa attraverso la Fondazione Roberto Capucci che ha il compito di stimolare la genesi di idee innovative individuare nuovi creativi e sostenere la loro crescita nel mondo del lavoro e di sviluppare il settore delle arti applicate agli oggetti d’uso dove forma, materia e manualità sono l’essenza.

Il desiderio del maestro dell’arte dell’Haute Couture è che la Fondazione sia il centro d’incontro e di scambio tra diverse discipline artistiche piattaforma per selezionare talenti. Un dono speciale che Roberto Capucci offre a tutti coloro che amano la moda, fenomeno senza confini.

  • shares
  • Mail