Renzo Rosso ospita Matteo Renzi da Diesel: le polemiche su Facebook

Lettera aperta su Facebook da parte del patron di Diesel per sedare i commenti negativi dei fan, dopo il suo entusiasmo per la visita del Presidente del Consiglio alla sua azienda in provincia di Vicenza.

renzo rosso matteo renzi alessandra moretti

Renzo Rosso di Diesel scende di nuovo in campo su Facebook per spiegare il motivo dei suoi entusiasmi imprenditorial-politici dopo le critiche ricevute dai follower della sua pagina, che minacciavano il boicottaggio dei jeans Diesel.

Tutto è nato da un post ricco di fotografie che mostravano la visita del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e della candidata alla presidenza della Regione Veneto Alessandra Moretti al quartier generale della Only the Brave, la holding di Renzo Rosso che controlla tra gli altri Diesel, Maison Margiela e Viktor&Rolf. Gli entusiasmi della direzione nel descrivere questa visita hanno alterato gli animi dei fan di Renzo Rosso, che hanno iniziato a commentare in maniera negativa questa presa di posizione politica"dell'imprenditore veneto.

Today I was very proud to see Italy's Prime Minister Matteo Renzi visiting our company at Diesel and OTB Group...

Posted by Renzo Rosso on Thursday, 21 May 2015

Renzo Rosso non ci ha pensato a lungo e ha deciso di pubblicare una lunga lettera esplicativa, sempre via Facebook, per chiarire al meglio come non sia stata una questione solo politica: nonostante si sia detto fan di Renzi, in buona sostanza il riassunto del patron di OTB è che la visita di un'alta carica dello Stato, al di là dello schieramento politico, è sempre un piacere per un imprenditore.

LETTERA PERSONALE AI MIEI FOLLOWERHo letto con molta attenzione i vostri commenti ai miei post sui diversi social...

Posted by Renzo Rosso on Friday, 22 May 2015

La trovate integralmente qui sotto:

LETTERA PERSONALE AI MIEI FOLLOWER
Ho letto con molta attenzione i vostri commenti ai miei post sui diversi social network relativi alla visita del Premier Renzi nella nostra azienda ieri, e sono stato sinceramente sorpreso dalla negatività che vi ho trovato.
‘Sei caduto in basso’, ‘non compro più i tuoi jeans’, ‘cosa c’entra Renzi con te’, ‘che schifo’ ... Una dopo l’altra le parole che ho letto mi hanno fatto rendere conto di come questo Paese abbia ormai perso la speranza di migliorare la situazione. In Italia ultimamente ci si limita a criticare, criticare, criticare, come nei talk-show televisivi, invece che rimboccarsi tutti assieme le maniche e vedere le cose per quello che potrebbero essere.
Qualcuno di voi si è chiesto perché Renzo Rosso ha incontrato Matteo Renzi?
Innanzitutto, di qualsiasi schieramento politico sia, un Presidente del Consiglio che viene a visitare la tua azienda è sempre un onore. Ed è il riconoscimento dei risultati e del lavoro che meritano gli oltre 7.500 dipendenti del nostro gruppo. Siamo un modello d’impresa studiato in tutto il mondo, ed è questa l’unica ragione per cui Renzi ha scelto di venire a vederci dal vivo.
Abbiamo parlato non di questioni personali, ma dell’economia, della nostra Regione e del nostro Paese.
Gli ho detto della necessità di ridurre la burocrazia in Italia, il vero cancro di questo Paese che per cavilli legali blocca nuove iniziative, lo spirito imprenditoriale del nostro popolo, e soprattutto la creazione di nuova occupazione. Gli ho fatto esempi di casi che sono successi a me, in cui per creare 10 nuovi posti di lavoro ho dovuto aspettare 2 anni.
Abbiamo parlato di agricoltura e della necessità di avere più terreni destinati all’uso agricolo. Facendo parte di EcorNaturaSi ed essendo entrato nel mondo del biologico, gli ho fatto presente come questo settore sia in grande espansione e come si potrebbe riportare i giovani a coltivare la terra assicurando loro ritorni economici interessanti.
Mi ha chiesto della corruzione nel calcio, e gli ho raccontato del nostro Bassano Virtus, una perla nel mare di tutte le categorie di Lega in termini di trasparenza e ruolo sociale nel territorio, e di come sia fondamentale attuare un cambio culturale in questo sport che tocca cosi tante persone, con modelli d’eccellenza come quello inglese.
Gli ho parlato del Tribunale di Bassano, di come il fatto di averlo accorpato a quello di Vicenza non stia aiutando la velocità dell’Amministrazione Pubblica e di conseguenza causando danni economici non indifferenti per le tante imprese di questa zona che operano in un contesto competitivo sempre più dinamico.
Al di la che personalmente stimo Renzi, lui è il nostro Primo Ministro ed è giusto che lo incontri, come domani incontrerei Grillo, Salvini o chiunque diventasse il prossimo Presidente del Consiglio. Perché penso che imprenditori, grandi o piccoli, che hanno una visione innovativa e un’esperienza quotidiana sul campo, in Italia e all’estero, possano dare il loro contributo a capire come si potrebbe, e dovrebbe, lavorare meglio.
L’obiettivo di tutti noi, al di là di chi sia il Presidente del Consiglio, deve essere quello di creare stabilità per questo Paese. Basta con i governi che restano sei, dodici, diciotto mesi e poi tutto cambia di nuovo, e nel frattempo tutto si ferma. Cosi non si costruisce nulla. Men che meno la ripresa.
La critica sterile non porta a nulla mentre positività porta positività. E’ solo con questo spirito che tutti assieme noi Italiani possiamo pensare di fare di questo il Paese più dinamico, moderno e attraente al mondo.
Enjoy,
Renzo Rosso

Via | La Stampa

  • shares
  • Mail