Chanel presenta la collezione Métiers d'Arts 2012-2013 a Edimburgo

Chanel porta in scena un nuovo capitolo dell'eccellenza artigianale: si è svolta a Edimburgo la sfilata della collezione Métiers d'Arts 2012-2013. Come ogni anno protagonisti sono gli atelier che collaborano con la maison e contribuiscono con il valore aggiunto delle loro creazioni fatte a mano e della tradizione artigianale che li caratterizza. Tra essi Barrie knitwear, uno storico maglificio scozzese rilevato recentemente da Chanel, a cui la maison ha voluto rendere omaggio con look anni '80 e abbondanza di tweed e tartan.

Karl Lagerfeld ha scelto Edimburgo ispirato dal ricco heritage di Chanel in Scozia e dal savoir faire legato alle produzioni locali di tweed e cashmere, che oggi sono parte integrante delle collezioni della maison. Chanel ha il dovere morale di supportare l’artigianalità. In quest’ottica si inserisce la recente acquisizione di Barrie knitwear, maglificio situato ad Hawick negli Scottish Borders. Un’impresa che ha lavorato con la griffe per più di 25 anni producendo la nostra maglieria in cashmere, tra cui gli iconici cardigan bicolore.



Ha spiegato in un'intervista a MFF Bruno Pavlovsky, presidente della divisione moda di Chanel. Un altro laboratorio è stato acquisito prima di Barrie knitwear ed è Causse, atelier che produce guanti: lo scopo è quello di salvaguardare il futuro di questi piccoli atelier e supportarne lo sviluppo. Un progetto che intende valorizzare il lusso in generale e l'artigianato locale di alta qualità. Una soluzione che, peraltro, salverebbe tante piccole aziende italiane, patria dell'artigianato e della moda, dalla crisi e dal fallimento.

  • shares
  • Mail