Ho letto sul magazine Style del Corriere un’intervista con Tom Ford, la seconda dopo quella dello speciale Pittidi MF Fashion, distribuito anche alla Fiera. Nessuna delle due è online, ecco in breve qualche frase della star che ha reinventato Gucci e YSL e che ha presentato in questi giorni Tom Ford, la prima sua collezione maschile : made in Italy da personalizzare in cinque negozi-atelier.Come vestirà gli uomini e perchè solo loro?
Il concetto dell’abbigliamento è il “su misura”, dalla maglieria, allo smoking, alle scarpe. Tutto quello (made in Italy) di cui un uomo ha bisogno, a metà tra un meraviglioso sarto e una grande azienda italiana. Piu’ chic e meno fashion di quello che ho fatto fino ad adesso. E molto, molto caro… Ho pensato solo ai signori perchè ho qualcosa da dire a loro, alle donne per ora no.
Sembra di sentir parlare un sarto: che fa, torna indietro?
E’ che oggi non trovo mai le cose che mi piaciono: o troppo “conservative” come a Londra, o troppo “moda” come a New York.
Cosa le dà sui nervi?
Troppa moda. E’ tempo di essere piu’ classici.
Allora cosa le dà fastidio negli uomini?
Sono stanco di vedere gente casual, ma le cose stanno cambiando, gli uomini si stanno ri-vestendo. Gli uomini mi piaciono, ah, ah.

“Un menswear di lusso, una sorta di linea confidential. Per uomini che non vogliono il classico à la Savile Row, ma che cercano qualcosa di particolare, di raffinato e molto elegante. Una buona parte del progetto sarà custom made. Una specie di couture al maschile, che possa essere utilizzata allo stesso modo in cui le donne vanno da Chanel ad acquistare un abito.Nessuna sfilata, niente show ma solo appuntamenti privati. L’ida di base è solo una: prodotti unici con un forte accento sul lusso.”

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Eventi Leggi tutto