L'uomo di Yves Saint Laurent per la primavera-estate 2008

eleganza e giovinezza

Un altro nome di origine italiana brilla nel firmamento della moda francese: Stefano Pilati, direttore artistico della Yves Saint Laurent, una delle Maison storiche di maggiore successo degli ultimi cinquant’anni. Un direttore che per la primavera-estate 2008 ha rivisto il guardaroba maschile puntando questa volta su una rielaborazione divertita dei capi più classici, arrivando a spruzzare direttamente sui finissimi tessuti piccole macchie di colore.

Un modo per sottolineare con pungente ironia come in ognuno di noi si nasconda in realtà un'anima di artista. Un piccolo pittore che aspetta solo di essere rivelato. Portato allo scoperto. Uno stile sicuramente sobrio ma a cui è stato dato un garbo tutto giovanile. Linee morbide, rilassate che fanno pensare a lunghi pomeriggi passati con gli amici tra un caffè e una passeggiata in centro. Tra una chiacchierata e un impegno di lavoro.

Una collezione che presenta colori molto pacati (per scaricare il video cliccate qui). Direi quasi un trionfo di grigi con il bianco che fa spesso capolino nelle camicie leggerissime e dai tagli asciutti. Eleganti. Una moda che avvicina il classico al mondo giovanile, giocando con leggerezza, ma senza mai dimenticare le regole vincolanti del buon gusto. Quello chic senza tempo che diventa garanzia contro rovinose scivolate.

  • shares
  • Mail