Massimo Alba collezione uomo Primavera Estate 2018: il fascino di David Foster Wallace, le foto

Viene dalla letteratura l'ispirazione di Massimo Alba per la nuova collezione Primavera Estate 2018: “Siamo tutti uguali nella nostra convinzione – che teniamo segreta al resto del mondo – di essere diversi da chiunque altro”, da Infinite Jest di David Foster Wallace. Scopri di più qui su Fashionblog.

Viene dalla letteratura l'ispirazione di Massimo Alba per la nuova collezione Primavera Estate 2018: “Siamo tutti uguali nella nostra convinzione – che teniamo segreta al resto del mondo – di essere diversi da chiunque altro”, da Infinite Jest di David Foster Wallace.

Cosa significa vivere nel nostro tempo? Cos’è, in un mondo dove tutti i media non ci lasciano tregua, mai, la solitudine? Come possiamo accogliere realmente gli altri, nelle nostre vite? Le parole di Wallace che affiorano dai suoi libri – non solo “Infinite Jest” – sono una consolazione, e un interrogativo costante. Cosa significa essere diversi dagli altri? Significa forse essere più simili a noi stessi che a qualcun altro? E i nostri vestiti? Possono davvero renderci diversi?

La collezione attinge i suoi toni da una vecchia cartella di colori inglese: ecco allora l’idea di creare una gabardine pesante, lavata fino a creare rotture per darle un po’ di patina, prendere un materiale abbastanza pesante, consistente, vero e lavorarlo nei colori della tradizione. I materiali sono il vellutino 2000 righe, il lino e il linocotone con le righe sovrattinte, lo chambray originale e solo azzurro - come il cielo di “Infinite Jest”. L’Impermeabile in Panama è stato sovrattinto con una specie di gesso, un colore materico, opaco. Le giacche sono prive di qualsiasi struttura interna, sono completamente svuotate, ma non sono giacche-camicie, sono giacche-giacche. Nella maglieria, in aggiunta al cashmere watercolor, che è sempre presente nelle collezioni di Massimo Alba, è stato inserito un cashmere melangè, original grey; le maglie dipinte a mano con i bordi bianchi; il cashmere ultra light per i classici, scollo V e cardigan: “senza peso”. Lana e lana bouclè per maglie leggere, impalpabili; cotton/cashmere watercolor, il cotone tinto “bleach”; lino/seta unito e moulinè. Vengono direttamente dall'Inghilterra i tessuti usati per le giacche da club e per i costumi da bagno. I tessuti estivi – il jersey di lino, di cotone (tinto watercolor), e giro inglese – ci sono tutti. E anche le microfantasie, il micro pied-de-poule, stampata sulle scarpe Superga, con le cuciture al vivo non ribattute, morbide.

  • shares
  • Mail