Roma International Estetica 2013, spazio al make-up

roma international estetica  2013

Da ieri la parola d'ordine per varcare i cancelli della Fiera di Roma è bellezza. La struttura sta infatti ospitando Roma International Estetica 2013, evento dedicato al mondo dell'estetica e del benessere.

Sin dall'inizio è parso chiaro che uno dei protagonisti della fiera è il make-up: tanti i prodotti e le attrezzature acquistabili presso gli stand, dove i professionisti e i ragazzi delle accademie si sono esibiti facendo spaziare la fantasia tra il trucco più classico e quello più scenico. Ecco cos'ha scoperto FashionBlog visitando l'evento.

make-up a Roma International Estetica 2013 make-up a Roma International Estetica 2013 make-up a Roma International Estetica 2013 make-up a Roma International Estetica 2013

make-up a Roma International Estetica 2013

Dai toni caldi delle terre ai rosa, i verdi e gli azzurri più intensi, i brillantini e le tonalità mat, per quanto riguarda gli occhi ce n'è per tutti i gusti. Fra le offerte più presenti le palette multicolor e gli eye liner glitterati. Non mancano nemmeno le proposte più innovative, primo fra tutti proprio l'ultima novità in termini di eye liner: quello adesivo. Disponibile in vari design, dalla linea più semplice a quella decorata con brillantini, aiuta chi ha difficoltà ad applicarlo nella versione classica e può essere utilizzato anche un paio di volte.

Sempre in tema di occhi, PaolaP propone Lash Extender, la soluzione per avere ciglia più lunghe e folte in un solo minuto. Il prodotto, a base di ingredienti naturali, deve essere applicato dopo il mascara tradizionale e permette di allungare e volumizzare senza appesantire gli occhi. In occasione della fiera PaolaP ha presentato anche Lip4Kiss, rossetto waterproof a lunghissima durata e a copertura modulabile, disponibile in tre diverse tonalità.

make-up a Roma International Estetica 2013 make-up a Roma International Estetica 2013 make-up a Roma International Estetica 2013 make-up a Roma International Estetica 2013

Ma fra le distese di ombretti e rossetti ha trovato spazio anche il trucco permanente, meglio detto dermopigmentazione. Una soluzione, ha spiegato a FashionBlog Massimo Froio, Presidente e Ceo di Biotek, azienda italiana leader del settore, utile sia per mascherare alcune imperfezioni, come un sopracciglio o delle labbra non ben definiti, sia per sentirsi a posto in tutte le situazioni. Le sue applicazioni non sono, però, ancora conosciute dai potenziali clienti.

Solo il 15% sa di cosa si tratta

ha spiegato Froio

e solo il 4% l'ha fatto. Il resto è perplesso a causa di lavori insoddisfacenti fatti a parenti o ad amiche.

I timori sono solo parzialmente giustificati: pur non seguendo l'andamento delle mode, il settore è vivo e in piena espansione e la sua evoluzione riguarda proprio la qualità del servizio offerto. Le tecniche sono sempre più precise e i pigmenti utilizzati, rigorosamente anallergici, permettono di ottenere risultati sempre migliori. Tuttavia, solo affidandosi a professionisti opportunamente formati è possibile ottenere i risultati attesi sia in termini di forma che di colore.

Per essere sicuri di trovarli sarebbe meglio rivolgersi a centri certificati. In generale, i parametri da tenere in considerazione per non incappare in brutte sorprese sono gli stessi utilizzati quando ci si rivolge ad un tatuatore: l'uso di colori autorizzati in Europa, la pulizia del centro, l'uso di macchine e attrezzature con le stesse precauzioni di uno studio dentistico e l'impiego di aghi sterili monouso. Il risultato e la durata del trucco variano da persona a persona, ma la scelta di un percorso programmato che preveda innanzitutto un incontro conoscitivo permette di ottenere i risultati migliori possibili.

Dopo l'esecuzione del trucco sono necessari un ritocchi regolari, il primo dopo circa 1 mese – 1 mese e mezzo, gli altri a cadenza annuale. Il colore, infatti, tende a svanire in 2 0 3 anni. Anche in questo caso, però, tutto dipende dalle caratteristiche della pelle e da quelle dei materiali utilizzati.

Ciò che è fondamentale ricordare è che questa soluzione, almeno qui in Italia, non è necessariamente un'alternativa definitiva al make-up classico: anche dopo essersi sottoposte a dermopigmentazione è possibile continuare a sbizzarrirsi con ombretti e rossetti. A fare la differenza sarà che appena alzate dal letto o uscite dalla piscina ci si sentirà a posto già prima di aver affondato le mani nella trousse del trucco.

Foto | @si.sol.

make-up a Roma International Estetica 2013

make-up a Roma International Estetica 2013 make-up a Roma International Estetica 2013

  • shares
  • Mail