Kurt Cobain 50 mostra Bologna: la limited edition di t-shirt firmate Gas e le fotografie di Michael Lavine

Il brand vicentino, alla sua seconda collaborazione con la galleria bolognese, reinterpreta gli scatti del celebre fotografo pubblicitario in una limited edition di t-shirt e felpe.

Dopo il successo della mostra “David Bowie: Heroes”, GAS accompagna nuovamente la galleria d’arte bolognese in un importante progetto nella veste di partner per la mostra fotografica “Kurt Cobain 50: Il grunge nelle foto di Michael Lavine”, celebre fotografo che negli ultimi venticinque anni ha realizzato alcune delle fotografie più iconiche del mondo dello spettacolo e che ha realizzato alcuni dei ritratti più famosi di Kurt Cobain, lo storico leader dei Nirvana.

In occasione del cinquantesimo anniversario della nascita di Kurt Cobain, una mostra vuole celebrare l’avventura della band che, in soli cinque anni di attività, è entrata nell’olimpo del rock. Portabandiera del grunge di Seattle, ma anche simbolo del disagio e dell'apatia di un'intera generazione, i Nirvana sono riusciti a imporsi come la vera leggenda della scena grunge mondiale. Hanno trasformato l’alternative rock in un fenomeno di massa trasmesso alla radio e su MTV. L’impatto della musica dei Nirvana sugli anni ’90 è indiscutibile: quella bomba di alienazione punk, piena di ritornelli da mandare a memoria e allo stesso tempo così graffiante, ha trasformato Kurt Cobain nella voce riluttante di una nazione ed il suo sacrificio ha certamente alimentato il mito.

Il grunge era esploso come una mitragliata sonora in antitesi al decennio precedente che si era caratterizzato per la prevalenza dell’estetica sulla sostanza e i Nirvana diventano gli esponenti di spicco di un genere che una volta raggiunto il successo diventerà a sua volta moda. L’aspetto in apparenza trascurato del look, le camice di flanella indossate da Kurt, le maxi t-shirt, i maglioni pesanti, ma soprattutto il denim che incarna lo spirito grunge in ogni sua forma: camicie, giacche e ovviamente i jeans strappati ne diventano l’uniforme. La mostra (13 dicembre 2017– 31 gennaio 2018) attinge dall’impressionante archivio di Michael Lavine che immortala i Nirvana in quattro diversi momenti, dagli inizi della loro carriera fino al successo planetario.

Proprio dagli scatti di Michael Lavine nasce una limited edition di 2.000 t-shirt e felpe numerate nelle quali si fondono lo stile di GAS e quello inconfondibilmente grungy dell’artista americano visto attraverso l’occhio sensibile e originale del fotografo. Le immagini reinterpretate dai creativi dell’azienda veneta e selezionate per il forte impatto visivo ed emozionale che esprimono, appartengono al servizio fotografico scattato per l’autorevole rivista americana Sassy nel 1993 e ritraggono un inedito Kurt Cobain con i capelli rossi.

Barbara Grotto, Direttore Marketing e Comunicazione di GAS, ha commentato: “È un onore per noi essere chiamati nuovamente da ONO ARTE a reinterpretare uno degli artisti più influenti e carismatici degli ultimi decenni. Kurt Cobain, che con il suo stile e la sua musica ha inaugurato una nuova era e portato a galla un genere che stava fermentando sempre di più nel sottosuolo, è colto dall’occhio di Michael Lavine, il fotografo che più di tutti è riuscito a catturare fin dagli albori lo spirito di quello che sarebbe diventato il movimento grunge. La nostra collaborazione con ONO Arte Contemporanea si pone come obiettivo quello di valicare confini e creare sinergie fra differenti settori e discipline come l’arte, la musica e, ovviamente, la moda.”

  • shares
  • Mail