Paris Fashion Week, la Belle Époque di Louis Vuitton per la primavera-estate 2020

Louis Vuitton con collezione primavera-estate 2020 ha chiuso la settimana della moda di Parigi con una sfilata molto particolare.

Louis Vuitton ha chiuso la settimana della moda di Parigi, presentando la sua collezione primavera-estate 2020. La sfilata si è tenuta al Museo del Louvre e le modelle hanno camminato davanti a uno schermo gigante che riproduceva un video slow-motion di una cantante con sensuale labbra rosse e capelli arancioni infuocati. Lei è Sophie, nominata ai Grammy, e ha prodotto una versione esclusiva ed estesa del suo singolo It's Okay to Cry per lo spettacolo.

La collezione firmata da Nicolas Ghesquière è caratterizzata da una serie di abiti a tre pezzi, alcuni dei quali avevano esagerati dettagli sulle spalle e sono stati abbinati a gilet con paillettes. Non sono mancate le tute gessate, abbinate a blazer in tweed e abiti più audaci con vivaci stampe floreali accostate a trench classici.

Per completare il look, tantissime borse tra cui una simile a cassette vintage. Hanno trionfato il classico monogramma Louis Vuitton e tote impreziosite da stampe VHS. In mostra anche spille a fiori, cappelli a bombetta, stivali alti e mocassini pesanti.

È stata una sfilata molto interessante che combina epoche e generi diversi. Nicolás Guesquière ha dichiarato che viviamo in una "nuova Belle Époque" e questo concetto si è perfettamente riflesso nei 47 look della collezione, che vive di un mix equilibrato di elementi classici con elementi più moderni.

  • shares
  • Mail