Neiman Marcus in bancarotta, i grandi magazzini schiacciati dai debiti e dal Coronavirus

I grandi magazzini di lusso Neiman Marcus sono in bancarotta, l'emergenza Coronavirus e i debiti accumulati non gli hanno dato scampo.

Neiman Marcus in bancarotta

I grandi magazzini Neiman Marcus sono in bancarotta, i celebri negozi per ricchi stanno vivendo una bruttissima situazione. Già da tempo le vendite non andavano bene e i debiti si accumulavano, poi con l’emergenza Coronavirus tutto è peggiorato, fino ad arrivare alla bancarotta. La situazione di Neiman Marcus è molto seria e non di facile soluzione. Già prima della pandemia la catena aveva un debito di 4 miliardi di dollari , che adesso sono diventati 5,1. Cifre altissime e importanti che non si possono recuperare senza decisioni drastiche e dolorose, soprattutto per i tantissimi dipendenti che si ritroveranno senza lavoro.

Come J. Crew, anche Neiman Marcus è ricorso alla procedura prevista dal Chapter 11 del codice fallimentare statunitense, l’obiettivo è di ristrutturare il debito e probabilmente vendere tutto al miglior offerente. A causa del Coronavirus, Neiman Marcus ha chiuso i suoi 43 punti vendita e messo in congedo non retribuito la maggior parte dei suoi 14mila dipendenti.

Neiman Marcus ha però ottenuto 675 milioni di dollari dai creditori per poter ristrutturare il debito, con l’impegno che gliene saranno dati altri 750 milioni quando il gruppo sarà uscito dalla bancarotta. La situazione è molto seria e all’orizzonte ci sono 4 possibili soluzioni: vendere Bergdorf Goodman o My Theresa e recuperare un po’ di liquidità; scegliere la strada dell'amministrazione controllata e lasciare la gestione del colosso ai creditori; vendere ad uno dei creditori l’intera catena oppure liquidare tutto ed è ciò che probabilmente avverrà. Richard Baker, ceo di Hudson's Bay, gruppo che possiede Saks Fifth Avenue, non ha mai nascosto il suo interesse per il diretto concorrente…

Il presidente e amministratore delegato Geoffroy van Raemdonck ha dichiarato:

“Prima del Covid-19, il gruppo Neiman Marcus stava compiendo progressi concreti verso una crescita redditizia e sostenibile a lungo termine. Abbiamo ampliato la nostra impareggiabile base di clientela di lusso, esteso le nostre relazioni con i clienti leader del settore, raggiunto una maggiore penetrazione omnicanale e fatto passi significativi nella nostra trasformazione per diventare la principale piattaforma di lusso. Tuttavia, come la maggior parte delle aziende oggi, stiamo affrontando un’interruzione senza precedenti causata dalla pandemia, che ha esercitato pressioni inesorabili sulla nostra attività”.

Geoffroy van Raemdonck

Neiman Marcus è un’azienda con una storia lunga 113 anni, ma dispiace moltissimo per i dipendenti che difficilmente verranno salvaguardati o protetti da questo tsunami.

via | Ansa
Foto | forbes.com

  • shares
  • Mail