Alta Roma: Stretch Couture

Arriva ad Alta Roma la maison Stretch Couture con le sue “Dolls”. Bambole incatevoli, circondate da una cornice multisensoriale: profumo spruzzato in sala, caramelle offerte da una modella-bambola agli spettatori e petali di rosa sulla passerella. Davvero coinvolgente questa sfilata e ben declinata l’idea della Toy Room. Un binomio artificio-seduzione, dove bambole infatili si animano

Arriva ad Alta Roma la maison Stretch Couture con le sue “Dolls”. Bambole incatevoli, circondate da una cornice multisensoriale: profumo spruzzato in sala, caramelle offerte da una modella-bambola agli spettatori e petali di rosa sulla passerella.

Davvero coinvolgente questa sfilata e ben declinata l’idea della Toy Room. Un binomio artificio-seduzione, dove bambole infatili si animano in un defilè quasi teatrale.

Gli abiti hanno strutture antiche (numerosi i bustier), reinterpretate in una forma innovativa e quasi futuristica. Non mancano infatti i tessuti morderni come lattice o jeans, mixati con quelli più classici come le reti in maglia di seta intarsiate di nastri colorati e le rose di tulle.

Varie ispirazioni: dallo stile lolita, con abiti che sembrano baby-doll gotici, fino ai sapori anni 50, con lucenti anelli di jais applicati a forme a palloncino.

Nella parte estesa del post, le foto della sfilata.











I Video di Fashionblog