Emma Watson rilancia il vestito alla Pretty Woman

Il mini dress indossato da Julia Roberts in Pretty Woman torna a conquistare le giovanissime. Complice anche Emma Watson, che lo indossa nella copertina di GQ British

Come non ricordare il mini abito con anello all'ombelico che ha fatto di Vivian - aka Julia Roberts - la prostituta di Pretty Woman più celebre del cinema? Bene, sappiate che sta per ritornare come una delle tendenze del 2013, complice la copertina di GQ British dedicata ad Emma Watson, in cui la giovane attrice indossa lo stesso modello ma con colori più sobri. Le poche ma ferree indicazioni per portare il mini dress iconico sono nell'ordine: non avere ombra di pancetta o cuscinetti sui fianchi ed essere dotate di malizia e autoironia in abbondanza.

Negli Stati Uniti la versione total black di Tripp NY è andata letteralmente a ruba: sold out in tutti colossi dell'e-shop Urban Outfitters, ASOS, e Nasty Gal. L'unica speranza è di mettersi in lista d'attesa e attendere i nuovi rifornimenti. Graffiante, seducente e decisamente rock, l'abito best seller torna a far sognare le teen ager e giovanissime fashionistas di tutto il mondo. Dal 1990 con furore, insomma.


Intanto l'attrice 22enne ne dà un'interpretazione perfetta, vestendo così i panni della femme fatale. La piccola Hermione come non l'avete mai vista: nel numero di maggio della rivista inglese parlerà di sesso, divismo e stalker e racconterà del suo ruolo nel film The Ring Bling. Ecco qualche anteprima:

"Quando ho letto la sceneggiatura e mi sono resa conto che in sostanza si trattava di una riflessione sulla fama, su cosa è diventata per la nostra società, non potevo che accettare. Il mio personaggio è l'opposto di quella che sono - lei è superficiale, materialista, amorale: mi sono resa conto di odiarla. Una nuova sfida come attrice a cui non potevo rinunciare".

Via | Fashionista

  • shares
  • Mail