FashionBlog al concerto di Jane Birkin, indiscussa icona di stile

Jane Birkin

Ieri sera nel giardino di Boboli, durante l'unica data italiana del tour, Jane Birkin ha presentato al pubblico fiorentino il suo nuovo lavoro in musica. Con 'Les enfants d'hiver' racconta la sua infanzia, gli amici e gli amori. Come quello con Serge Gainsbourg, con cui ha stretto una relazione durata fino al 1980. La ragazza ribelle degli anni '60, icona di uno stile che ancora oggi resiste alle rutilanti tendenze proposte dal mondo della moda, sale sul palco con un paio di jeans scuri, un gilet portato su una camicia bianca e una cravatta annodata con quella finta noncuranza dal sapore shabby chic che la contraddistingue. Essenziale nel suo modo di proporsi, si muove in un palco illuminato da luci soffuse, così da far diventare l'atmosfera lunare, impalpabile. Jane Birkin rende omaggio a Aung San Suu Kyi, attivista birmana, in una canzone quasi parlata, lontana e diversa dalla celebre e sensuale Je t'aime... moi non plus, originariamente incisa da Gainsbourg insieme a Brigitte Bardot. Il concerto finisce, le aspettative non deludono e rimane un piacevole ricordo, leggero e dolce, come le note, la personalità e l'allure di una donna ragazzina che ha fatto storia.

Video Credits | YouTube

  • shares
  • Mail