Designers Emergenti: Simona Fra' per Backroom

BACKROOM by Simona Fra’

NOME E COGNOME: Simona Frasca

ETA’: 31 anni

IN COSA SEI ATTUALMENTE IMPEGNATA: Dopo diverse esperienze avute presso aziende del settore moda, ora dedico tutta me stessa al mio piccolo progetto imprenditoriale BACKROOM by Simona Fra’ un marchio emergente ed indipendente, quindi necessita di essere seguito con grande impegno e costanza. Parallelamente lavoro come fashion designer free lancer per un’importante azienda estera.

DOVE VIVI: mi sono trasferita spesso nella vita, in Italia e all’Estero, prima di decidere di tornare a “casa” in provincia di Caserta , dove vivo attualmente. Qui ho la possibilità di poter investire e seguire meglio il mio progetto, per svariati motivi.

QUAL E’ STATO IL TUO PERCORSO DI STUDI: Diplomata all’accademia della Moda di Napoli come modellista e sarta, e al Polimoda ENT ART di Firenze come fashion designer. Ho anche un master in Cool hunting conseguito presso il Polimoda Srl.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE PERSONALI DEL TUO CARATTERE, GLI OBIETTIVI CHE TI PROPONI DI RAGGIUNGERE IN AMBITO LAVORATIVO? Per indole naturale sono una persona molto solare, ironica, orgogliosa, creativa, determinata, metto passione e dedizione in ogni cosa che faccio, a volte sono un po’ lunatica, a volte folle, ma soprattutto molto curiosa… di tutto ciò che mi circonda e che non conosco. Mi affascina la genialità, l’originalità, sono amante dell’arte e dei viaggi, adoro la fotografia. Istintivamente ho l’ossessione per l’armonia estetica, per i dettagli, non lascio mai nulla al caso e non mi riferisco solo alla moda. Per quanto riguarda i miei obiettivi professionali, ho idee piuttosto chiare su ciò che mi propongo di raggiungere: innanzitutto incrementare la produzione e selezionare altri showroom dove esporre e vendere le mie creazioni (attualmente vendo a Milano e presto a Roma oltre alla possibilità di contattare direttamente me per gli acquisti o richieste personalizzate), il mio sogno è riuscire ad aprire contemporaneamente uno showroom/laboratorio vicino casa mia, in una graziosa cittadina sul mare, piena di storia e di mitologia, dove realtà del genere non esistono ancora e mi piacerebbe esserne pioniera, poter offrire così un’alternativa all’omologazione dalla quale siamo a dir poco soffocati. Inoltre avrei la possibilità di una produzione su scala internazionale ma sto ancora meditando sugli aspetti pragmatici del progetto. Questo è un settore molto saturo e competitivo, e creare un proprio marchio è la scelta più difficile, ci vuole molta pazienza, determinazione e perseveranza. I passi si fanno uno alla volta e i tempi sono lunghi… ma con la giusta dose di coraggio (e anche un po’ di follia) non è impossibile.

INDICAMI I TUOI TRE SITI DI MODA PREFERITI: Polyvore.com è un sicuramente perfetto per monitorare il mercato, lo consulto per le mie ricerche di tendenza. Sartorialist, oramai un cult tra i blog, per i medesimi motivi e a differenza di altri blog (si sa ce ne sono a milioni) questo credo si distingua per il buongusto. Style.it per tenermi informata e visionare le anteprime delle sfilate. Vorrei però aggiungere che leggo moltissimi altri blog e tanti sono interessanti, tra cui sicuramente Fashionblog che apprezzo per la versatilità, Frizzifrizzi.it per l’utilità delle informazioni e molti altri…

QUALI SONO I TUOI TRE STILISTI DI RIFERIMENTO? Difficile citarne solo tre, ho una personalità molto versatile e ci sono molti stilisti che ammiro per le diverse peculiarità di ognuno di loro, ma per lo più posso dire di riconoscermi nello stile (quindi anche col mio marchio) anzitutto di Moschino. Fin da piccola mi ha sempre affascinato per la sua geniale ironia ed ecletticità, pur conservando il “carattere” italiano. E’ originale come pochi e ammiro l’azienda per essere riuscita a crearsi uno stile davvero unico, il che non è poco. Mi piace perché gioca con la moda, come dire mai prendersi troppo sul serio nella vita. E’ un messaggio fantastico! Adoro molto Alberta Ferretti, ricercata, chic, romantica e tuttavia semplice, non eccede mai ed io odio gli eccessi. In ultimo Chanel, e qui credo che non servano commenti!

COLORI E STILI IN & OUT DI QUESTA STAGIONE: Sicuramente negli ultimi tempi si avverte un ritorno al passato, alla voglia di cose ed atmosfere naturali, semplici e anche più sobrie ( la moda riflette sempre benissimo la contemporaneità socio-culturale del momento, quindi non può non avvertire la crisi economica, tralasciando per cui fronzoli ed eccessi), i colori pertanto saranno blandi, dal rosa cipria al talpa, al grigio (sicuramente il colore più di tendenza) passando per diverse tonalità di verdi come il verde smeraldo, il verde petrolio, il verde giada, ma anche colori basici come il bianco (sarà un must per almeno altre due stagioni) e l’intramontabile nero. Il blu sta sicuramente emergendo in sordina in diverse sfumature mentre il viola si è scrollato di un paio di toni alleggerendosi nei più soft malva e lilla. Come tendenza “falsh” segnalerei il giallo ma da abbinare con cautela. Poi ci sono stilisti che hanno proposto colori fluo ma credo siano un “coraggioso” investimento al momento! Per quanto riguarda gli stili il mood per lo più è lo stesso, ma ciò che mi piace molto di questa moda contemporanea è che lascia molto spazio alla propria personalità, in quanto le proposte sono svariate e diverse per molti stilisti: IN sicuramente è lo stile brit Dandy, bon ton (con tessuti pied de poule, tweed), boho chic con le sue pellicce gilet (compratele solo sintetiche!), street country (tee, camicie a quadri, skinny jeans), e ancora atmosfere rock che persistono così come le ispirazioni anni ’80 rivisitate (es. giubbetto chiodo in pelle). Il mood marino in auge la scorsa estate è forte anche per quest’inverno (e si affermerà ulteriormente l’estate 2010). Attenzione alle tendenze flash, come l’animalieur, le borchie, le spalline pronunciate o le leggings con paillettes, per lo più sono trends destinati a morire presto. Molto IN le calze colorate, stampate, con tattoo. Infine accessori come gli headbands e cappelli di varie forge. OUT è tutto ciò che è eccesso e a parer mio, tutto ciò che non“ri-veste” la nostra personalità.

DESCRIVI LA TUA COLLEZIONE O I TUOI BOZZETTI: Tutte le mie creazioni riflettono la mia stessa personalità per cui in tutte è sempre presente un’allure retro, romantica, femminile ed ironica, come per la mia ultima collezione invernale, dove ho preso ispirazione dalle bambole di carta. Abiti femminili, ricercati, caldi ed ironici riproducendo esattamente il principio del gioco stesso. Altra fonte di ispirazione è la mia icona Audrey Hepburn, la quale ho voluto omaggiare creando un abito bianco che la ricorda nel film Sciarada. Una strizzatina d’occhi alle tendenze c’è sempre, ma cerco comunque di plasmarle con uno stile ricercato ed originale. Che sia solo mio.

BACKROOM by Simona Fra’

BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’
BACKROOM by Simona Fra’

  • shares
  • Mail