Fashion Week: mondo Gay L’icona c’è, Maurizia Paradiso è tra noi

In giro per la Milano Fashion Week, la incontro all’Ecurie nel cuore della storica Brera.



Stasera ero molto titubante su cosa raccontarvi in diretta dal mio iperuranio. Fashion Week, Milano Moda donna spring/summer 2014? Does it means? Beh stasera una chicca: Maurizia Paradiso, lei la grande provocatrice, nel cuore di Brera, via Ponte Vetero, all’Ecurie.

Costei ha cambiato il modo di pensare, il turbinio di pensieri che affollano come bollicine le idee della gente sul mondo dei gay, lei che non trova particolarmente simpatici i “froci”, ma che si fa “partigiana” dei diritti di quegli uomini che vogliono esser al di fuori delle convenzioni sociali che identificano l’eterosessualità come canone.

Argomento scomodo, ma lei è la Queen di una storia di emancipazioni e provocazioni.
Sempre criticata, soprattutto per il suo grande carisma. Rivolgerle parola mi ha creato grandi emozioni, anche perchè, questa trans ha rappresentato il grande stato di grazia, la grande armonia di colore e senso relativo a quello strano mondo dei “culattoni. Froci, culi, libertini", tutti etichettati come oggetti di una convenzione perversa, senza apprezzare quella normalità così diversa; Maurizia, nelle sue mille trasmissioni e programmi, ha parlato di una realtà difficile da raccontare “a papà” ma, concreta nell’essenza.

In questa insolita serata ho scoperto cosa vuol dire esser sopra le righe, coraggiosi, superiori al volgo che non crede in nulla se non nelle stupide convenzioni.


Ecriture automatique

Nel flusso di una coscienza antirealistica ed astratta elevo costei a musa di un esistere reale ed al contempo irreale, irreale perché spesso non voluto.
Noi siamo al di sopra di ciò che amiamo sia esso un uomo o una donna
Illuminato, l’amore, non ha sesso ne virgole, ne punti: ha solo refusi ingiustificati, errori di un esistere banale come la vita. Chi crede di esserne al di sopra scopre solo la sua miseria ed in essa può solo metafisicarsi, perchè nella “fisis” ogni cosa, per quanto anticonvenzionale esiste ed “è”.
Godetevi il macabro giubilo dell’essere se stessi, o ciò che si vuole essere.

  • shares
  • Mail