London Fashion Week, la donna ribelle di Vivienne Westwood Red Label per l'autunno inverno 2014-2015

La sfilata della stilista inglese ha portato in passerella la magia e la potenza di una donna forte, decisa e irrequieta, che ama i tessuti classici sfregiati da tagli azzardati.

Non riesco ad essere obiettiva quando parlo di Vivienne Westwood, lo dico sinceramente. Spesso preferisco mantenere un certo distacco nei confronti delle creazioni degli stilisti sulle passerelle, cercando una fonte di obiettività nell'approccio razionale; ma di fronte all'estro della Regina della Moda inglese, capace di attraversare tutte le epoche mantenendo alta la distinzione del suo strepitoso stile sempre incredibilmente britannico in ogni sua declinazione, proprio non ci riesco. Amo indistamente le sue speciali invenzioni, i tagli incredibili che sembrano violentare i tessuti e poi accompagnarli in armonia tra drappeggi, sbuffi e ispirazioni punk (questo aggettivo, qui, è d'obbligo).

Vivienne Westwood Red Label: Runway - London Fashion Week AW14

Nella sfilata di casa, alla London Fashion Week, Vivienne Westwood non ha fatto eccezione a se stessa. Le sovrapposizioni di tessuto e stampe sono un punto d'onore dello stile che l'ha resa famosa e il fatto che siano di moda sembra non essere un problema per lei: le ha riviste a modo suo, come era normale che fosse. Ecco quindi il patchwork intelligente tra quadri e triangoli, dove il tartan è il tessuto principe e si presta ad accoppiamenti sempre intelligentemente azzardati.

La palette dei colori sembra richiamare le tinte autunnali delle brughiere inglesi: ruggine, rosso, borgogna, senape, ocra e sprazzi di grigio e blu, sovrapposti tra giochi di volume e pieni e vuoti, ad esaltare una femminilità mai banale, mai semplice, sempre irrequieta e potenzialmente ribelle in ogni sua forma.

London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label

London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label London Fashion Week, Vivienne Westwood Red Label

L'uso del doppiopetto e delle gonne al ginocchio torna in auge, assieme agli shorts corti portati con maglioni comfy e ai pantaloni morbidi, con pinces che sembrano guardare agli anni Ottanta; nei maglioni spuntano i tagli con i manicotti abbinati e i gessati sono spezzati in doppia fantasia, quasi a confondere lo spettatore.

Una collezione autunno inverno 2014-2015 davvero meravigliosa; diffidate delle imitazioni a poco prezzo, l'unica resta sempre lei, Vivienne Westwood, in grado di affascinare e stupire con la Red Label della prossima stagione.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail