Charlotte Waters, la storia della modella molestata da Terry Richardson

Esce allo scoperto Charlotte Waters, la giovane modella che sarebbe stata molestata sessualmente dal fotografo Terry Richardson con il quale stava lavorando. Ecco il suo terribile racconto.

Terry Richardson

Charlotte Waters è una giovane modella di 24 anni che ha deciso di raccontare la sua storia, una storia davvero terribile, che avrebbe per protagonista Terry Richardson. Lei è la modella che nel 2010 ha portato il famoso fotografo di moda sotto i riflettori dei media per una presunta storia di molestie. Dopo aver preferito rimanere nell'anonimato, oggi esce allo scoperto. E la storia di Charlotte Waters, pubblicata su Vocativ in un'intervista molto forte, sarebbe la testimonianza di fatti davvero orribili.

La giovane modella, che all'epoca dei fatti aveva solo 19 anni, ha deciso di uscire dall'anonimato per raccontare che tutte quelle voci sul pessimo comportamento di Terry Richardson con le sue modelle non sono solo rumors, ma si tratta di storie vere. Storie come la sua, come l'esperienza disgustosa e raccapricciante che lei racconta di aver subito durante un set fotografico con uno dei fotografi di moda più famosi e richiesti.

La giovane modella racconta di un'esperienza assolutamente disgustosa: aveva posato senza veli già con altri fotografi, ma con Richardson è stato diverso dal momento che il fotografo si è permesso di toccare le sue parti intime, di costringerla a toccarlo prima di eiaculare su di lei. E in quel momento era presente anche l'assistente del fotografo, che non è intervenuta, come se fosse la normalità, la consuetudine su un set fotografico di Terry Richardson.

In un primo momento la giovane modella ha preferito tacere: sotto choc, come spesso accade provava imbarazzo anche solo ad ammetterlo, figuriamoci a raccontarlo. Da qui la decisione di raccontare l'accaduto in maniera anonima su Reddit, affinché storie del genere non accadessero più, prima di uscire allo scoperto e raccontarsi in questa lunga intervista. Già nel 2010 la storia aveva destato molto clamore, figuriamoci oggi che la modella ha deciso di "metterci la faccia".

Charlotte Waters

La prima cosa che fece fu scattare una foto di me con la mia carta di identità, per dimostrare che avevo più di 18 anni. Poi abbiamo iniziato gli scatti, lui ha allungato la mano mettendola sul mio volto. Poi ha messo il pollice nella mia bocca, ho pensato fosse strano ma ho lasciato perdere. Poi ha fatto marcia indietro e mi ha chiesto di iniziare a spogliarmi. Ero a mio agio, perché sapevo quello che dovevo fare.

Nel frattempo il fotografo ha continuato a scattarle delle foto e a farle dei complimenti:

Poi si avvicina e mi chiede di tenere la parte superiore dei suoi jeans mentre mi scatta delle foto rivolte verso il basso. Da questo momento le cose cominciano a prendere una piega non buona, ma per qualche ragione avevo ancora fiducia in quello che mi veniva detto di fare. Poi lui mi ha chiesto di sbottonare i suoi pantaloni e ha tirato fuori il suo pene.

Poi le cose hanno cominciato a peggiorare:

Lui inizia a scattare foto tenendosi il pene, poi ci siamo spostati su un divano, dove mi ha chiesto di mettermi dandogli le spalle. Lui ha iniziato a toccarmi e a leccarmi e nella mia testa ho pensato, O mio Dio, che costa sta succedendo? Nel frattempo l'assistente si è avvicinata è ha cominciato a scattare delle foto (...). Ad un certo punto mi ha persino chiesto di spremere i suoi genitali il più forte che potevo. Non potevo crederci, ma l'ho fatto. Perché l'ho fatto?

Cosa risponderà, ora, il fotografo? La modella è uscita allo scoperto: dobbiamo aspettarci altre storie del genere e altre confessioni così raccapriccianti?

Foto | Vocativ

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail