Alonso Mateo, la nuova icona di stile è un bambino di 5 anni

Ha 5 anni ed è famoso per essere una vera e propria icona di stile. Si chiama Alonso Mateo e spopola sui social tra i fashion victim.

La nuova icona di stile non è una modella o un attore avvenente. È un bambino. Si chiama Alonso Mateo, ha soli 5 anni e si atteggia come un uomo consumato dalle mille avventure. Alonso conosce la moda, anche se può sembrare strano, e veste solo griffato: Tom Ford, come gran parte dei vip, Gucci, e tutti brand all’ultimo grido. Pensate che questo ragazzino ha una stylist personale che si occupa della sua immagine, costruita ad hoc per conquistare i fashion victim.

Alonso Mateo-cover
La mamma Luisa Fernanda Espinosa è una regina dei social, nel senso che ha capito fin da subito il potenziale del suo bambino e lo sta sfruttando alla grande per diventare famosi. Ha creato un profilo su Instagram e su Facebook (entrambi seguitissimi), dove posta le fotografie del bimbo mentre si atteggia. La mamma continua, però, a sostenere che sia solo un gioco. Non è un lavoro e neanche un modo per guadagnare. Sarà realmente così? Guardate la galleria fotografica: l’espressione di Alonso non può essere solo un gioco. È convinto.

Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo

Se dobbiamo dire la verità, questi bambini da un lato fanno sorridere. Alonso è molto carino e ovviamente non è comune vedere un piccolino di 5 anni agghindato così. Dall’altro però fanno tanta tristezza: è già vecchio e sembra un prodotto commerciale, costruito per piacere. Dovrebbe divertirsi a giocare, a sporcarsi, non a fare selfie tutto vestito Gucci e con neanche un capello fuori posto.

È discutibile il ruolo della mamma, che incentiva questo gioco (forse è la prima a divertirsi o a proiettare sul figlio ambizioni mancante). Le mamme, purtroppo, nella moda molto spesso assumono un ruolo negativo: pensiamo alle modelle anoressiche minorenni accompagnate ai casting, alle ragazzine buttate in passerella e ai bambini nelle pubblicità, che proprio i genitori espongono come trofei (un po' come Suri Cruise) a fini commerciali.

Foto | Alonso Mateo su Facebook

Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo
Alonso Mateo

  • shares
  • Mail