Donne sfigurate dall'acido diventano modelle e stiliste

In India alcune donne che sono state sfigurate con dell'acido hanno deciso di creare una linea di moda, per la quale hanno fatto anche da modelle. Ecco le immagini di queste donne bellissime e coraggiose.

Si chiama Rupa Designs e prende il nome dalla sua fondatrice. Questo marchio di moda è davvero molto particolare, perché è stato ideato da alcune donne indiane che sono state vittime della violenza nel loro paese e, in particolare, sono state sfigurate con l'acido. Per anni hanno nascosto il loro viso dietro pesanti sciarpe, come sottolineato dalla stessa ideatrice del brand, ma ora "escono allo scoperto", non solo per creare moda, ma anche per indossarla e interpretare il ruolo delle modelle.

Rupa, Rita, Sonam, Laxmi e Chanchal sono le cinque donne coraggiose che con la loro volontà e la loro voglia di vivere, senza più nascondersi, vogliono aiutare le donne di tutto il mondo. Le giovani indiane vittime dell'acido hanno posato per un servizio fotografico che le mostra in tutta la loro bellezza, con i capi di abbigliamento, rigorosamente in stile indiano, ma con qualche accenno occidentale, che hanno ideato loro stesse.

Rupa, la giovane dal quale il brand prende il nome e che ha rinnegato il suo cognome, dopo che il padre ha difeso la matrigna che l'ha sfigurata con l'acido, confessa:

Ho sempre voluto essere una stilista, ma dopo l'attacco c'è stata una pausa nella mia vita. Ero così insicura e imbarazzata per le mie cicatrici, che usavo una sciarpa per coprire il mio volto. Mi sono sempre aggrappata al mio sogno e non ho mai creduto che un giorno sarebbe stato possibile e che avrei lanciato una mia etichetta di moda.

Rupa Designs

Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs
Rupa Designs

Pensare di dare questa notizia di speranza per queste belle e giovani donne indiane, dopo la campagna choc di un brand che inneggia alla violenza di gruppo proprio in India, ci fa credere che forse non tutto è perduto!

Foto | Facebook

Via | nydailynews

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail