Gli anni Quaranta di Salvatore Ferragamo per la collezione primavera estate 2015 alle Sfilate di Milano

La classe di Salvatore Ferragamo trova la sua forza negli accessori come negli abiti nella sua ultima collezione primavera estate 2015 alla Milano Fashion Week.

Salvatore Ferragamo prende spunto dagli anni Quaranta. Attenzione, non pensiamo di trovarci davanti a una collezione vintage nel senso stretto della definizione. Massimiliano Giornetti ha semplicemente spiegato che lo stile e la silhouette utilizzati per la primavera estate 2015, presentata questa mattina alle Sfilate di Milano, si rifà a quel decennio.

Salvatore Ferragamo primavera estate 2015

Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015
Salvatore Ferragamo primavera estate 2015

E' una silhouette che nasce dagli anni Quaranta, quindi molto precisa, sottolineata in vita da cinture, ma dall'altra parte è molto fluida e destinata a rafforzare questo senso dell'estate, di un savoire faire artigianale, ma anche di una eleganza easy della donna.

    Segui la Settimana della Moda di Milano su Blogo in diretta anche su Instagram!

Racconta lo stilista. La sua nuova collezione quindi è tutta giocata sui contrasti e non è stato difficile trovare un punto di partenza importante: la famosa scarpa Rainbow, un simbolo della storia della moda italiana. Sono state fatti quindi degli interventi significativi sulla zeppa, per dare volume alla calzatura, mantenendo il senso di estate. Inoltre, sono stati accostati materiali nuovi come il sughero, la paglia ma anche il canvas e il serpente. Il serpente, tra l’altro, ricorre non solo negli accessori ma anche negli abiti, dai capispalla super chic ai bustier.

Ci piace

Sicuramente l’uso del colore di Salvatore Ferragamo è qualcosa di incredibilmente romantico: giallo, azzurro, arancio e verde sono esaltati da una base neutra delle scarpe e delle borse. Molto bella anche la maglieria e gli abiti di seta.

Non ci piace

L’uso delle frange, che dovrebbero aumentare la tridimensionalità delle stampe e delle crepe di seta, ma che anziché aggiungere eleganza, come negli anni quaranta, danno una connotazione un po’ etnica.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail