Il Montgomery da uomo, un capo che non va mai fuori moda

Per la nuova stagione fredda, il montgomery con il suo sapore eternamente vintage ha sedotto diversi brand e stilisti di fama, da Emporio Armani a Benetton, da H.E. By Mango a Zara.

Il Montgomery per lui

Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui
Il Montgomery per lui

Il montgomery più classico, quello che arriva per intenderci a metà coscia e con alamari in bella vista, ha un'origine prettamente militare. Fu la Royal Navy infatti (almeno così ci dicono le cronache di moda) che lo introdusse nel guardaroba dei suoi impavidi marinai. Tuttavia a lanciarlo poi in grande stile e con un tocco di austero ma spigliatissimo flair militare fu il celebre e celebrato generale Bernard Law Montgomery che amava portarlo sempre sopra le divise. Da allora il montgomery, pur avendo avuto, come è ovvio che sia, i suoi alti e bassi, non ha mai smesso di essere un capo importante del guardaroba maschile, seducendo a stagioni alterne, stilisti e marchi di fama in Italia come nel resto del mondo, dove è noto, almeno nei paesi di lingua inglese, come duffle coat. A questo punto, dopo questo breve preambolo, non ci resta che tuffarci nelle proposte di quei brand e designer che per l'autunno inverno 2014 – 14 hanno ceduto al fascino (ormai senza tempo) del montgomery.

Emporio Armani

Il Montgomery per lui

Nella sua ultima collezione per la stagione fredda 2014, il marchio ha mandato in passerella un montgomery dal taglio svelto e snello, di un colore elegantemente scuro e sottolineato, tocco di squisita raffinatezza, da alamari in pelle. Un capo, almeno per noi inveterati fan del brand, semplicemente irresistibile.

Zara

Il Montgomery per lui

Il suo montgomery di punta è quello che attorno al tradizionale ed immancabile cappuccio ostenta anche una folta bordura di pelliccia, occhieggiando in questo modo ad un altro capo trendy della stagione fredda come il parka. Tuttavia il marchio offre anche una versione meno lussuosa e più semplice in cui brillano lustrissimi alamari di metallo. 

Benetton

montgomery-benetton-2

Qui da Benetton troviamo un'interpretazione più allegra e gioiosa del montgomery a cui viene aggiunto un interno in scozzese; interno che si rivela in tutta la sua suggestione nel cappuccio rovesciato sulle spalle dell'aitante modello. Altrettanto pratico e seducente il modello grigio che assomiglia (questo credo sia proprio l'intento del marchio) ad un pesante e caldo cardigan di lana.

Peuterey

montgomery-peuterey-

La versione clou è quella che propone un montgomery realizzato in un particolare tessuto di cotone e polyestere, con importanti caratteristiche impermeabili ed antivento. Il capo presenta anche una lunga zip centrale a scomparsa e d una pratica coulisse in vita, quattro tasche, un collo di pelliccia (removibile) ed un cappuccio con tanto di coulisse. E' anche made in Italy (dato certo non trascurabile).

H.E. By Mango

monty-mango

Anche il celebre brand spagnolo ha nella sua collezione autunno inverno 2014 -15 almeno un paio di montgomery. Il primo  con disegno spigato e fodera imbottita in misto lana e dalla linea casual, il secondo, decisamente più cool, è declinato in una doppia tonalità di grigio ed il prezzo si aggira attorno ai 139 euro.

Ci piace

Ci solletica l'idea del montgomery e di come marchi così diversi tra loro abbiano saputo interpretarlo secondo la propria esclusiva visione. Casual-chic il modello firmato di Emporio Armani, giovane e disinvolto quello griffato Benetton.

Non ci piace

Senza ombra di dubbio ci convincono meno i montgomery che riprendono le caratteristiche del parka. Ibridi che sembrano perdere la loro particolarissima identità (e questo ci sembra, diciamolo pure, quasi imperdonabile!).

Nella gallery capi anche Valentino, Neil Barrett, River Island ed altri.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail