Roma Film Festival 2014, il red carpet dell'ultimo giorno

Le italiane si distinguono sul tappeto rosso del 26 Ottobre, il giorno della premiazione finale che ha incoronato Trash di Stephen Daldry: plauso a Nicoletta Romanoff, Camilla Filippi e Alessandra Mastronardi.

Il Festival del Cinema di Roma 2014 si è concluso con la premiazione per Trash di Stephen Daldry quale film vincitore, ma l'attenzione dell'ultimo giorno non poteva che essere tutta per le bellezze del red carpet, in una passerella sul tappeto rosso che ha coinvolto alcune delle più belle attrici italiane contemporanee; e proprio loro sono quelle che hanno saputo regalare la soddisfazione maggiore in questo ultimo giorno della kermesse cinematografica romana, che ben poche esclamazioni di stupore hanno saputo rubare lungo le giornate del festival (tanto che alcuni red carpet sono stati talmente scarsi da non meritare affatto attenzione, anzi, meglio dimenticarli in fretta).

Nell'ultima analisi dei look da red carpet del Festival del Cinema di Roma non possiamo che portare sul podio la madrina Nicoletta Romanoff, che ha indossato un bellissimo vestito stampato a metà strada tra l'hippie tenuto a freno e l'ispirazione zarina di Russia che le sta così bene. Impossibile non notarla, impossibile resistere all'allure di un vestito tanto importante: premiamo il rischio, lo stile e soprattutto la capacità di mettersi in evidenza con tanta discreta sfacciataggine.

Strepitosa apparizione da parte di Alessandra Mastronardi, che si riconferma come una delle nostre attrici meglio vestite e in grado di dominare una pericolosissima fantasia animalier di grandezza variabile con la sua grazia infinita. Questa ragazza ha il dono di rendere lieve ogni abito che indossi e io, personalmente, la candido come una delle migliori d'Italia, in grado di non sfigurare nemmeno sui red carpet internazionali.

A farle da contraltare un'altrettanto eccellente Camilla Filippi, androgina in bianco gessato con camicia aperta e accessori neri, tra cui una pochette a busta con dettagli metal. Poteva essere tutto troppo ma la giovane attrice italiana ha saputo dosare l'atteggiamento sul red carpet, regalandoci un bel momento modaiolo particolare e assolutamente originale per i tappeti rossi italiani.

Tradizionale in nero Maria Grazia Cucinotta, che non abbandona il suo classico approccio mediterraneo con un abito a sirena; nero anche per Violante Placido in un'inedita tuta, molto interessante e ben accessoriata; Cristiana Capotondi sceglie il rosso stampato dall'allure boho-chic ma rischia troppo facilmente di confondersi col red carpet, passando la promozione solo a metà. Cascata metallizzata in nero con spacco vertiginoso per Elisabetta Pellini, anche lei rischiosissima ma salvata dall'eleganza dello styling.

Pollice verso invece per Fatima Trotta, che sembra avvolta nella carta di un cioccolatino strappato: e dire che sarebbe così bellina se solo si vestisse meglio...


Roma Film Festival, red carpet ultimo giorno























© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail