Giorgio Armani disegna le divise dello Stromboli, Dolce & Gabbana si offendono

Giorgio Armani ha realizzato le divise della squadra di calcio dello Stromboli, suscitando la gelosia degli stilisti Dolce&Gabbana che hanno casa sull’isola.

Il calcio e il mondo della moda sono legati a doppio filo. Stavolta non sono i completi di Dolce&Gabbana realizzati per il Milan a far discutere, ma le ultime creazioni di Giorgio Armani. Il Re di Milano ha infatti vestito i ragazzi dello Stromboli (squadra di Terza Categoria). Lo stilista ama molto l’isola siciliana e trascorre spesso qui le vacanze (anche se il suo cuore batte soprattutto per Pantelleria), ha così deciso di rendere omaggio a questa terra.

giorgio-armani

Le maglie disegnate dallo stilita sono in realtà due: la prima nera con inserti rossi, la seconda bianca con inserti grigi. I colori sono quelli della natura: il nero della terra bruciata dal rosso della lava e il grigio delle rocce. Come mai ha scelto proprio lo Stromboli? Giorgio Armani è un uomo generoso, ama fare scelte “diverse”, anche perché adora essere sui giornali “per caso”. Possiamo credere al romantico richiamo della sicilia, ma è più plausibile che sia l’amicizia con Massimiliano Cincotta, dirigente della squadra di calcio, ad averlo convinto.

"Eravamo a tavola la scorsa Pasqua e guardando una partita di Basket dell’Armani m’è venuto in mente di chiederglielo".

Ha raccontato ai giornali Cincotta. Pochi mese dopo sono arrivate le divise, come se la squadra giocasse in serie A. I ragazzi hanno quindi k-way, due divise e pure i palloni firmati Armani. Aggiungiamo poi un piccolo pettegolezzo, diciamo una gelosia tra designer. Proprio qui ha casa Domenico Dolce, che appena ha saputo del regalino di Armani, ha chiamato Cincotta:

“Toccava più a loro, in effetti, con cui ho un rapporto anche più informale, ma in tanti anni semplicemente non è capitato”.

Diciamoci la verità, la reazione di Domenico Dolce è quanto di più gratificante possa portarsi a casa Re Giorgio.

Via | Repubblica

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail