Le T-shirt PETA e Black Score contro l'uso degli animali nella moda (Foto)

Le magliette dell'associazione animalista incontrano lo humour inglese del marchio di Simeon Farrar, fondatore del marchio. Il risultato? Essere cruelty-free non è mai stato così cool.

Usare le magliette per lanciare slogan e messaggi è un'operazione vecchia come il mondo della moda contemporanea: a rinnovare l'idea in chiave animalista e super-cool ci ha pensato la PETA, l'associazione che si batte per i diritti degli animali e che da sempre è nota per le sue campagne provocatorie e ben riuscite, in grado di coinvolgere personalità e celebrity per azzerare l'utilizzo di prodotti da allevamenti intensivi di animali nel fashion system.

Per la nuova collezione di magliette della PETA, l'associazione ha chiamato a disegnarle nientemeno che il bad guy Simeon Farrar, il disegnatore dell'amatissimo marchio inglese di t-shirt Black Score che è noto per essere tanto irriverente quanto incredibilmente modaiolo. Amato da supermodelle quali Poppy e Cara Delevingne, Jourdan Dunn e dalla cantante Rita Ora che ne ha spesso sfoggiato le creazioni, Black Score si è unito alla PETA per una collezione di magliette animaliste che perfezionano il concetto di slogan cruelty free per portarlo ad un nuovo livello umoristico, ma comunque profondo nel messaggio che vogliono veicolare.

L'annuncio è arrivato via Instagram da Black Score:

Siamo molto orgogliosi di collaborare con la meravigliosa associazione di beneficenza PETA (People for the Ethical Treatment Of Animals). Abbiamo creato una serie di T-shirt e maglie con disegnati alcuni piccoli, bellissimi e inc*zzatissimi esserini che non vogliono essere più fregati. Gli utili di ogni acquisto andranno allo sforzo della PETA per proteggere gli animali di ogni tipo.

Le magliette sono acquistabili sul sito di Black Score e i prezzi vanno dalle 30 alle 60 sterline a seconda di t-shirt o felpe. Una parte del ricavato della vendita delle magliette Black Score per PETA verrà devoluta proprio all'associazione animalista per portare avanti le campagne di sensibilizzazione. Non solo assolutamente deliziose?

Via | Blackstore

  • shares
  • Mail